Santarcangelo festival, Arboreto, Ert e Ravenna Teatro insieme per gli emergenti

Nasce a Santarcangelo un fondo per la creatività emergente. L’iniziativa, sostenuta da Santarcangelo dei Teatri e altri 13 partner italiani, tra cui anche Amat Associazione marchigiana per le attività teatrali, Ert – Emilia Romagna teatro fondazione, I teatri di Reggio Emilia, L’arboreto – teatro dimora, RavennaTeatro e Triennale teatro Milano, ha permesso la costituzione di una rete adibita allo sviluppo produttivo di artisti e artiste emergenti, allo scopo di sostenere le fasi di ricerca di progetti performativi, che di norma comportano lunghi tempi di creazione. I 14 enti del fondo rispondono a obiettivi distinti all’interno del sistema teatrale e performativo, così da far fronte a esigenze di lavoro differenziate rispetto alla produzione artistica, dallo sviluppo alla circuitazione. In sostanza, il programma, della durata di un anno, prevede l’assegnazione di un supporto economico pari a 20mila euro per la ricerca e la produzione di un progetto creativo, insieme alla partecipazione di artiste, artisti e compagnie a residenze, masterclass e workshop guidati da autrici e autori internazionali.

La prima edizione del fondo ha dato sostegno a due artiste: Agnese Banti, artista sonora, musicista e cantante armonica, diplomata in Sound design al Conservatorio di Bologna, ed Emilia Verginelli, attrice, performer e regista nata a Roma, ma diplomata negli Stati Uniti. Entrambe hanno svolto al Santarcangelo Festival la prima delle masterclass internazionali in programma, guidata da Camille Louis. Ha inoltre ottenuto una borsa di 10mila euro Giacomo Lilliù, regista e attore, fondatore del Collettivo Ønar, di cui cura la progettualità e le regie teatrali.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui