Riccione. In carrozzina a 81 anni trova un amico che lo porta al mare

Ha trovato chi lo aiuterà senza chiedere nulla in cambio il pensionato in carrozzina che offriva ombrellone e sdraio per farsi accompagnare al mare. Si è concluso con un lieto fine oltre le aspettative l’appello lanciato dalle colonne del Corriere Romagna da parte di Luigi “Gino” Vallorani, 81enne ex funzionario di Confesercenti nonché ex assessore a Coriano.

Inchiodato sulla carrozzina da due anni, Gino cercava volontari disposti a dargli una mano per recarsi allo stabilimento 147 “Le dune” di Riccione, dal lunedì al venerdì. Nessun problema invece per il sabato e la domenica, giornate che trascorrono da sempre con lui, la compagna e la loro badante, «i suoi due splendidi nipoti, liberi dal lavoro». Il compito da assolvere consisteva semplicemente nel prelevare e riconsegnare a fine giornata la carrozzina al deposito del bagnino, scortando Gino nel parcheggio distante 50 metri. Stop. Nessuno, aveva chiarito lui, doveva sentirsi obbligato a fargli compagnia ma doveva anzi godersi in libertà tintarella e tuffi. Dal canto suo, Vallorani era disposto anche ad andare a prendere l’aiutante con l’auto per poi riaccompagnarlo a casa.

I candidati

Dopo l’articolo sono fioccate una decina di candidature, rivela Vallorani, da quella di un giovane imprenditore ad una signora che nel week-end si reca in uno stabilimento di Riccione sud con il marito, restando sola durante la settimana. Senza dimenticare un vigile del fuoco pronto a sostenerlo nel tempo libero, oltre alla Croce Rossa di Riccione scesa in prima linea. La scelta alla fine è ricaduta «su un pensionato molto in gamba che abita a Spontricciolo, a circa un chilometro da Le dune». Ed a chiusura della ricerca commenta: «Vengo da una famiglia che partendo dal bisnonno annovera 36 religiosi: mi hanno insegnato la fiducia nel prossimo anche se io sono sempre stato la pecora rossa del gruppo. È proprio vero, ne ho avuto conferma: la solidarietà esiste ancora, basta cercarla».

Il prescelto

Intanto a Gianetto Salvatori che si è proposto, rinunciando a sdraio e comfort, non sembra di aver fatto nulla di speciale. Il 74enne pensionato, ex tecnico dei Lavori pubblici del Comune di Riccione, liquida il suo gesto con semplicità. «Dedico volentieri il mio tempo libero a chi ha bisogno. Di solito mi occupo del mio orto, ma non mi costa nulla lasciare tutto per aiutare Vallorani» commenta evidenziando che non lo fa per visibilità, né per un ombrellone, tanto più che bazzica la spiaggia libera. «Basta che mi dia un colpo di cellulare e salirò in auto. Sono sempre stato a servizio della comunità, sia nella Cgil, sia nell’organizzazione delle feste di piazza per l’estate» conclude tout court.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui