Ravenna, stabile il numero di morti nonostante il coronavirus

RAVENNA. Da più di un mese i report che riportano i dati sui contagi da Covid – 19 scandiscono le giornate con la conta dei positivi al virus, delle guarigioni, dei ricoveri e purtroppo dei decessi. Ed è tra numeri e tabelle che si cerca la fine dell’emergenza ancora lontana e si spera in una remissione della malattia. Al conforto delle guarigioni si affianca sempre il lutto per le vittime, numeri non confrontabili con le città martoriate della Lombardia, e con quelle colpite duramente dell’Emilia Romagna. Al momento non sono reperibili, visto il carico di lavoro dell’Ausl dati epidemiologici che suddividono i decessi per cause di morte, estranee al Covid – 19. Ma dal servizio statistica del Comune, comunque al lavoro anche in queste settimane, è stato possibile reperire un raffronto fra il numero totale di decessi avvenuti nel marzo 2019 e quello registrato nel 2020, alla data di ieri. I due numeri non si discostano in maniera significativa, neanche nelle fasce di età più sensibili e a rischio contagio da Covid – 19. Non si registra un effetto stravolgente per ora, e non emerge neanche la difficoltà di incrociare i dati dei numeri di tamponi, dei positivi e quello dei morti, come avviene in Lombardia e in altri paesi d’Europa dove c’è meno trasparenza nella comunicazione sanitaria e un approccio diverso ai riflessi economici e sociali dell’emergenza.

I numeri
Nel mese di marzo 2019 il totale dei decessi nel comune di Ravenna fu di 200, di questi 22 sono avvenuti in abitazione, e mentre 178 in strutture come l’ospedale, le case di riposo e le strutture sanitarie. Il mese appena trascorso conta 189 decessi totali, quindi avvenuti per cause molteplici oltre al Covid – 19. Dal numero totale 34 sono morti in abitazione e 155 in strutture sanitarie o socio assistenziali. Nel 2019 per la fascia di età 40 – 60 anni le persone decedute furono 21; tra i 61 e gli 80 anni se ne contarono 49 mentre tra gli ultra 80enni il numero salì a 130. A scorrere la situazione registrata a marzo 2020 per fasce di età, si vede come fra i 40 e i 60 anni sono solo 6 i morti, in questo caso appare non irrilevante il crollo del numero degli incidenti stradali mortali. A questi si deve aggiungere la scomparsa di un bimbo del 2012. Fra i 61 e gli 80 anni i decessi sono 49 e fra gli ultra 80enni la quota sale a 133. Nonostante arrivino i primi dati positivi su un deciso decremento del numero di positivi di questi giorni, solo 12 nella provincia ieri, c’è da attendersi fra qualche mese raffronti tra annate meno confortanti

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui