Ravenna, Scienze Ambientali si amplia con aule e laboratori

L’Università guarda al futuro con l’avvio delle opere di ampliamento della sede di Scienze Ambientali. L’intervento, per un investimento di 4 milioni di euro finanziati da Unibo, ha preso il via in questi giorni e pone le basi per la realizzazione di nuove aule e laboratori nella struttura di via Sant’Alberto.

«In questo momento, l’avvio del cantiere assume una valenza particolare – commenta la presidente del campus ravennate, Elena Fabbri –. Lavoriamo per tornare finalmente alla normalità e lasciarci alle spalle un periodo davvero difficile. Il taglio del nastro della nuova sede universitaria è previsto per il mese di giugno del 2022».

L’investimento per gli anni a venire si scontra con un presente condizionato dalla pandemia. Con il ritorno dell’Emilia Romagna in zona rossa, le lezioni sono di nuovo a distanza: «Il personale universitario è in presenza, ma per quanto riguarda gli studenti le lezioni sono in remoto. Proseguono in presenza soltanto le esercitazioni pratiche e le attività di coloro che preparano la tesi. Per i laboratori abbiamo predisposto più turni, in modo da limitare il numero dei partecipanti in contemporanea. I ragazzi non lavorano in gruppo, ma individualmente. Gli incontri sono contingentati e scanditi dal protocollo anticovid. Sono comunque momenti preziosi per vedere di persona i nostri studenti».

Senza interruzioni

Il percorso universitario prosegue senza interruzioni: «Il 2020 ha fatto segnare un dato molto positivo – dice Fabbri –. Nonostante tutte le difficoltà, nell’anno appena trascorso il polo ravennate ha fatto segnare, rispetto al 2019, un +10% dei crediti superati dagli studenti. In pratica si sono superati più esami rispetto all’anno precedente. Inoltre, nel 2020 si sono laureati a Ravenna 717 studenti rispetto a 690 laureati nel 2019. Sono dati che accogliamo con soddisfazione, ma la prolungata mancanza di un contatto diretto e continuativo con gli studenti è un problema che si fa sentire. L’adeguamento delle aule con le tecnologie più moderne ci aiuta per rendere sempre più efficaci le lezioni a distanza, ma un rapporto in presenza è insostituibile».

Gli investimenti effettuati per dotare le aule di telecamere, microfoni ambientali e altri strumenti per la didattica a distanza saranno utilizzati anche a emergenza rientrata: «L’Università ha comunque compiuto un passo importante – conclude la presidente del Campus – e le strumentazioni, di cui ci siamo dotati, serviranno per ampliare i nostri orizzonti anche per quando tutto sarà tornato alla normalità. Potremo collegarci e interagire in aula con specialisti in collegamento da altre università o centri di ricerca, potremo approfondire le lezioni con filmati e contributi video inviati da ricercatori di tutto il mondo, compresi i nostri studenti magari all’estero per scavi archeologici, e svolgere lezioni più interattive. Sono solo esempi, ma che ci fanno capire che da momenti di grande difficoltà possono nascere anche nuove opportunità».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui