Ravenna, l’Ordine prende le distanze dal veterinario indagato

L’Ordine dei Medici Veterinari di Ravenna manifesta “con forza il proprio sconcerto in relazione alle recenti notizie di stampa che hanno visto coinvolto un iscritto (Mauro Guerra, ndr) per fatti, che se confermati, violano, oltre alla normativa penale, anche quella deontologica”, si dice pronto all’adozione di provvedimenti disciplinari e si riserva la possibilità di “costituirsi parte civile ove dagli atti processuali dovesse essere confermato il quadro inquietante delineato dagli articoli di stampa”. E’ quanto si apprende da una nota a firma della presidente Alessandra Valeriani in cui si legge che “l’Ordine, i cui organi sono stati da poco rinnovati nelle elezioni di fine dicembre, seguirà con particolare attenzione l’indagine in corso a cui è stato sottoposto il proprio iscritto, riservandosi di adottare i provvedimenti più opportuni nell’ambito della propria potestà disciplinare. Da una parte si è ben consci del principio costituzionale della “presunzione di non colpevolezza” sino alla condanna definitiva e dall’altra si vuole evitare che la vicenda in corso possa costituire un “danno all’immagine” nei confronti di una categoria di professionisti che opera in scienza e coscienza, la cui attività professionale è posta a tutela della salute degli animali e dell’uomo e la cui condotta è ispirata ai doveri di onestà morale, dignità e decoro nell’esercizio della professione”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui