Ravenna, coop San Vitale: “La crisi di ha sorpreso ma resistiamo”

Nella Giornata internazionale delle persone con disabilità si guarda a ciò che la pandemia ha cambiato e rallentato ma anche ai progetti futuri segnati dalla crisi economica ed energetica. Romina Maresi, presidente della cooperativa San Vitale, non dimentica le difficoltà di ieri e di oggi ma assicura: «Non ci arrendiamo, veniamo da un periodo molto difficile, occuparsi di circa 200 persone tra fragili e disabili è particolarmente complesso, senza contare le persone che vivono nelle residenze e nei gruppi appartamento. Non finirò mai di ringraziare operatori ed educatori che hanno sostenuto i nostri percorsi anche quando i dispositivi di protezione non erano completamente reperibili e quando non c’erano i vaccini. Non abbiamo mai smesso di lavorare anche quando molti servizi educativi erano chiusi, siamo intervenuti a domicilio, con tutte le precauzioni. Dai nostri ragazzi, dai bambini e dagli adulti con disabilità, abbiamo ricevuto riscontri ad alta intensità emotiva da parte delle famiglie». La riorganizzazione è avvenuta con la collaborazione dei servizi sociali e dell’Ausl. E ora che la pressione della pandemia è minore e che molti servizi sono ripresi, rimane un patrimonio di esperienze da spendere. «Abbiamo imparato a dare ordine alle priorità e ai bisogni essenziali, e ancor di più abbiamo capito quanto le relazioni siano determinanti. Non aver lasciato sole le persone ha fatto la differenza. Siamo usciti più forti e determinati a fare bene quello che stiamo facendo, cercando di dare risposte qualificate e individualizzate».

Il presente

Nel momento della ripresa è arrivata la crisi internazionale e la speculazione su energia e materiali a minare le prospettive, con effetti pesanti anche sul terzo settore in termini di progetti e servizi da sostenere. «Siamo ripartiti bene con i servizi e con l’inserimento lavorativo. C’è in essere il progetto di inclusione sociale dell’Albergo del cuore, e poi quello della velostazione. Ma non ci aspettavamo gli effetti della crisi sul cantiere. Siamo arrivati così all’accentramento di alcuni servizi presenti anche a Lugo e Faenza per controllare il tema delle utenze e per salvaguardare la continuità delle prestazioni». La crisi energetica si è abbattuta anche sulla scelta sostenibile, a basso impatto, fatta dalla cooperativa, cioè quella di alimentare i propri mezzi a metano, carburante schizzato alle stelle in pochi mesi. «Monitoriamo i consumi energetici, eravamo contenti di aver fatto una scelta ecologica che oggi ci penalizza, con la doppia alimentazione siamo tornati a muoverci a benzina per la consegna di pasti per gli anziani con il coinvolgimento di persone fragili. In questo modo garantiamo un servizio di prossimità che vuol dire dialogo, contatto, relazione».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui