Ravenna: boom di liste, un corso per fare il presidente di seggio

Sia che si tratti di tattica politica o semplicemente di condizioni favorevoli, le elezioni comunali del prossimo 3 e 4 ottobre si annunciano affollate di opzioni per l’elettore ravennate come non mai e il Comune corre ai ripari per sostenere il lavoro improbo di presidenti di seggio e scrutatori. Allora ecco i corsi, la formazione mirata per scongiurare tempi lunghi e stalli fino a notte in sede di scrutinio. Si contano 10 candidati sindaci ufficiali, il nome del decimo si saprà solo sabato, e 27 liste. Ma questo numero è in divenire. Le disposizioni anti Covid in materia elettorale dal 2020 riducono il numero di firme necessario per presentare una lista e un candidato sindaco a un minimo di 117, era 350 fino al 2019. Per ciascuna lista poi, si va da un minimo di 21 a un massimo di 32 candidati per il consiglio comunale, questo significa almeno 567 nomi con la possibilità di arrivare a un teorico risultato di 864. Ma nulla è certo almeno fino a sabato, quando scaduti i termini per la consegna della documentazione alla commissione circondariale, insediata in Comune si procederà alla verifica dei materiali. Solo al quel punto si saprà quanti ce l’hanno fatta a conquistare il diritto di correre per la poltrona di sindaco e per entrare in consiglio comunale.

Corso per scrutatori

«Per fronteggiare la complessità della tornata elettorale – spiega Alessandra Baldrati, responsabile dell’ufficio elettorale del Comune – abbiamo deciso, per la prima volta, di mettere a disposizione dei corsi per i presidenti di seggio alla prima esperienza. Su 165, molti sono volti nuovi. In questo modo cerchiamo di fornire strumenti per agevolare la gestione del conteggio delle schede, le operazioni di voto e poi il voto disgiunto e le attribuzioni. Durante le operazioni il nostro ufficio offrirà un supporto, ovviamente solo di natura tecnica ai presidenti». Infine per esercitare il diritto di voto oltre alle idee chiare e a un documento d’identità occorre la tessera elettorale. Per rinnovare o richiedere il documento si aggiunge un nuovo sportello in via D’Azeglio, nella sede del servizio decentramento che si aggiunge all’anagrafe di via Berlinguer e i servizi decentrati.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui