Morti in monopattino in Romagna, l’Osservatorio chiede regole

I monopattini elettrici sono un nuovo fattore di rischio sulle strade delle città, soprattutto per i pedoni. L’avvertimento viene lanciato da Mauro Sorbi, presidente dell’Osservatorio regionale per la sicurezza stradale, che rimarca il problema a pochi giorni di distanza dalla morte di un ultraottantenne, deceduto a Cesena dopo essere stato investito da un monopattino condotto da un giovane. «Serve un intervento rapido a livello legislativo – dice Sorbi –. Il nostro osservatorio ha avanzato alcune proposte che sono state recepite nel corso del dibattito alla Commissione Trasporti; ora il testo è in Parlamento ma non sappiamo ancora quando sarà discusso in aula. Le modifiche sono più che mai necessarie perché al momento c’è un vulnus: i monopattini elettrici sono equiparati alle biciclette. Ma i mezzi sono diversi. In monopattino si ha una percezione totalmente diversa della velocità, dei tempi di frenata e di reazione a un ostacolo improvviso. L’episodio di Cesena è purtroppo emblematico e del tutto tipico di quanto avviene sulle nostre strade. I pedoni sono i bersagli più esposti, tanto più che in molti casi i monopattini vengono usati in maniera impropria, in particolare percorrendo marciapiedi e portici. L’estate (con un altro morto nel Ravennate)ha poi mostrato un uso molto disordinato dei monopattini nelle località della Riviera, forse anche complice l’atmosfera vacanziera».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui