Lugo, tragico schianto, muore 25enne: Simone presto sarebbe diventato padre

Quella vita, che tanto amava, coltivava e progettava, si è tragicamente interrotta a poche centinaia di metri dall’abitazione della famiglia, la madre Marinella, il padre Valentino e il fratello maggiore Matteo. Sbalzato fuori dall’auto di cui ha perso il controllo, schiantandosi in un fossato adiacente alla carreggiata.
Così è morto Simone Ricci Picciloni, il 25enne residente a Lugo che nella nottata di sabato, verso le 3.30, è uscito di strada alla guida della sua Peugeot 107 rossa, l’auto di cui andava tanto fiero, soprattutto del colore. La tragedia è avvenuta all’altezza del civico 24 di via Tomba, tra Lugo e la frazione Bizzuno, nota alle cronache per i tanti incidenti mortali. Al momento, tuttavia, pare che non siano coinvolti altri mezzi, ma la dinamica della tragedia sarà cristallizzata dai carabinieri della Compagnia di Lugo intervenuti sul posto.

Raccogliendo alcune informazioni tra i colleghi di lavoro e gli amici è però possibile ricostruire quanto accaduto nelle due ore precedenti. Verso l’1 Simone, impegnato nella cucina del ristorante L’O nei pressi di Maiano, frazione di Fusignano, finisce di lavorare e si mette in auto. Con lui, ma su un’altra vettura, c’è uno dei migliori amici. Sta di fatto che quest’ultimo appena partito ha un problema ed è costretto a richiedere l’intervento del carroattrezzi. Simone dunque carica in auto l’amico e i due si dirigono a Lugo per prelevare i soldi per il soccorso stradale che sarebbe arrivato poco dopo. Nel frattempo, questione davvero di poche decine di minuti, il giovane sale al Roccà, locale del centro di Lugo nel quale aveva lavorato per molti anni subito dopo esserci diplomato, per salutare amici e colleghi. È questa l’ultima volta che “Simo”, come lo chiamavano in molti, scambierà quattro chiacchiere e dei sorrisi spontanei con loro. I due ripartono per riprendere l’auto soccorsa e a quel punto le loro strade si dividono: l’amico verso casa, a Fusignano, e Simone in direzione Lugo, nella casa in cui da oltre un anno abitava con Claudia, la ragazza che presto lo avrebbe anche reso padre. Una sorpresa che la coppia non aveva rivelato ancora a nessuno, tranne ai familiari e a qualche amico intimo. Ma dalla sua amata Claudia, purtroppo, Simone non vi arriverà mai. Troppo gravi le lesioni riportate nello schianto che ha visto la sua utilitaria probabilmente cappottarsi per una decina di metri.
Ai sanitari del 118, intervenuti immediatamente sul posto così come i vigili del Fuoco, non è rimasto altro che constatarne il decesso. A rendere ancor più drammatica la vicenda il fatto che il primo a giungere sul posto è stato il fratello Matteo, allertato dal messaggio generato automaticamente dalla “scatola nera” dell’assicurazione.

La notizia della sua tragica scomparsa ha lasciato senza parole tutta la città, ma non solo. Troppo il dolore per quell’ennesima vita strappata così presto. Troppa la disperazione che oggi il suo ricordo genera cancellando la felicità dai volti di tutti, dopo che per una vita intera la sua spontaneità ha aiutato molti a tornare più allegri. Nei prossimi giorni è atteso il nullaosta della Procura per procedere ai funerali, le cui modalità verranno successivamente comunicate.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui