Il gruppo della Lega di Rimini: “Trombetta, polemica sul nulla”

RIMINI “Tanto rumore per nulla”, risponde il capogruppo della Lega Marzio Pecci alle accuse mosse dalla consigliera comunale Diana Trombetta. A difendere il capogruppo è tutto il gruppo consiliare attraverso una nota: “Riteniamo che uno scambio di opinioni fra consiglieri, pur concitato come è nel nostro carattere non sia di interesse per i cittadini. Per fortuna che dentro la Lega si discute animatamente su tutti gli argomenti e si può essere anche in disaccordo. In altri gruppi politici non si può. Difficile, anzi impossibile, vedere voti difformi ai diktat della classe dirigente del partito da parte dei consiglieri dem. Oggi siamo già di nuovo al lavoro per la campagna elettorale per le regionali. Abbiamo un obiettivo unico e condiviso, liberare l’Emilia-Romagna dal pugno di ferro del PD. In questa battaglia di libertà, non c’è bisogno di dirlo, c’è la massima sintonia e la comune determinazione”.Lo dichiara in una nota il gruppo della Lega in Consiglio comunale.

Commenti

  1. Credo che discutere anche animatamente sia un comportamento naturale dell’animo di ogni persona che si batte per ragioni proprie o altrui ma bisogna farlo con educazione e senza coercizione alcuna. In più quando il rapporto è tra due persone di sesso opposto ritengo ci debba essere ancora più attenzione e rispetto.
    Per quanto riguarda la frase “liberare Emilia Romagna” mi domando da cosa dal momento che io ci vivo e da cittadino vi dico: averne di regioni come l’Emilia e spero che la sanità rimanga pubblica e non privatizzata come vorrebbero gli esponenti leghisti e ridurre la regione in uno spartiacque tra poveri e ricchi lontani da una idea sociale e uguaglianza come è da sempre la regione governata dalla sinistra.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui