De Pascale ‘vara’ la sua lista. Contributi che vanno oltre il Pd

Lo aveva annunciato ormai un anno fa e ieri il sindaco Michele De Pascale ha tenuto a battesimo allo Chalet dei Giardini la lista che porta il suo nome e che lo sosterrà nella corsa per la rielezione. De Pascale sindaco è un progetto che prima di tutto conta dei sostenitori, molti dei quali entreranno nell’elenco dei candidati per il consiglio comunale. «In questi cinque anni – spiega il primo cittadino – amministrando la città ho avuto la fortuna di incontrare moltissime persone con grandi competenze e tanta passione per la propria comunità. La lista civica nasce dalla volontà di portare, dare spazio e valorizzare nuove e diverse competenze in alcuni ambiti specifici al servizio della città».

La lista

Entro il mese di giugno si saprà il nome dei 32 candidati, 16 donne e 16 uomini, fra questi il capolista Daniele Perini, Salvatore Voce, Giuseppe Pizzola, Annagiulia Randi e Giuseppe Roccafiorita. Le parole cardine che racchiudono il concetto della lista civica sono “Competenze e Impegno per Ravenna”. Nell’elenco compaiono professionisti dal mondo della sanità, del porto, del commercio, dello sport. «Ho cercato contributi di merito – assicura De Pascale – la lista civica è uno strumento a disposizione di chiunque desideri partecipare attivamente, ma senza l’intenzione di iscriversi ad un partito. Questo soggetto porterà al voto anche persone che altrimenti si sarebbero astenute o che pur non riconoscendosi nel centrosinistra a livello nazionale, nella dimensione locale sono convinti della bontà del nostro lavoro e delle proposte. Sono onorato che tante persone si stiano mettendo a disposizione per sostenere la mia candidatura, credo che questa esperienza possa essere un’opportunità importante per rendere Ravenna ancora migliore di quello che già è. Non stiamo facendo un partito in più». I sostenitori della lista già partecipano ai tavoli per la redazione del programma di coalizione.

Nomi e logo

Pensa a un soggetto aperto De Pascale che sostenga la sua azione: «Ci sono molti volti nuovi che non hanno mai fatto politica. Ricordo sempre che dietro ai simboli ci vogliono le persone». Tra i volti noti della politica cittadina il capolista Daniele Perini, ora consigliere di Ama Ravenna, gli ex consiglieri comunali Davide Bonocore e Federico Fronzoni, Giovanni Crocetti candidato nel 2016 nella lista Ravviva Ravenna, Giuseppe Roccafiorita ex Pd e una breve parentesi ne La Pigna, Alfredo Petrone ex assessore. Il sindaco ha scelto un simbolo che riporta su sfondo rosso il nome della lista composto da una barca a vela stilizzata che richiama i due colori della città. Un simbolo legato al mare e alla navigazione in mare aperto.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui