Le prime dosi del vaccino Pfizer-Biontech sono arrivate domenica scorsa in Italia. Stefano Falcinelli dice che l’attesa è altissima. I pazienti vogliono prenotare il vaccino e si informano sulle tempistiche: «Questi primi giorni sono molto incoraggianti – spiega il presidente dell’Ordine dei medici –. Ho già ricevuto diverse telefonate di miei pazienti che intendono proteggersi. Soprattutto chi soffre di alcune patologie è impaziente e spera di rientrare nelle categorie per cui c’è la priorità. Anche dal personale medico le risposte sono incoraggianti. C’è una grande disponibilità, non ho visto reticenze. A ciò si aggiunga che il viceministro della salute Pierpaolo Sileri ha chiesto che l’Ordine prenda provvedimenti nei confronti di coloro che non intendono vaccinarsi». Falcinelli continua dicendo che «l’articolo 7 del codice deontologico ci permetterebbe infatti di intervenire nel caso in cui qualcuno rifiuti. Io non credo si arriverà a tanto, sono molto fiducioso nel senso di responsabilità della nostra categoria. La vaccinazione non protegge solo noi stessi, ma anche i pazienti che ogni giorno incontriamo. I primi dati sulle vaccinazioni già effettuate in Inghilterra e Stati Uniti sono incoraggianti, non ci sono state particolari problematiche. Ora dovremo vedere con quali ritmi sarà possibile procedere e quante dosi di vaccino saranno a disposizione. Una possibile svolta, per aumentare le disponibilità in Italia, potrebbe arrivare con l’approvazione del vaccino prodotto da AstraZeneca. Il via libera sembra imminente». ro.art.

Argomenti:

coronavirus

ravenna

vaccino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *