Rimini, zuffa in centro: il questore chiude il pub No limits per 15 giorni

Licenza sospesa per le prossime due settimane. Il pub No limits di Rimini, nell’area della Vecchia pescheria, resterà chiuso per quindici giorni secondo quanto disposto dal questore di Rimini Francesco De Cicco. Una risposta alla città dopo la pubblicazione sui social del video che documenta la parte finale di una zuffa davanti al locale. Il provvedimento, preso sulla base dell’articolo 100 del Tulps (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza) e finalizzato alla tutela dell’ordine pubblico, è stato notificato all’amministratore della società che gestisce il locale dagli agenti della Divisione ammisnistrativa. Nelle intenzioni dell’autorità, attraverso la chiusura temporanea, si tende a ripristinare una situazione di normalità dopo il ripetersi di situazioni a rischio. Va chiarito che la misura amministrativa ha natura cautelare e non sanzionatoria e non presuppone responsabilità da parte del titolare che nei giorni scorsi ha cercato un confronto con la polizia per evitare il provvedimento che era già nell’aria. Una parte della clientela, di origine albanese, si era dimostrata turbolenta e il locale, sanzionato a novembre per il mancato rispetto delle norme anti-Covid, era “attenzionato” secondo il gergo in uso negli uffici della questura. Nel riscostruire l’aggressione di due giovani clienti ai dipendenti del pub, con tavolini gettati a terra e sedie scagliate contro il personale, la Squadra mobile ha dovuto vincere anche una certa omertà dei presenti (ma i responsabili del raid punitivo sono comunque in via di identificazione). Il provvedimento, come spiega una nota della polizia riminese, è una risposta immediata ai fatti accaduti il 7 maggio scorso e s’inquadra in una strategia per innalzare il livello della sicurezza della città. La zona delle cantinette è una delle più calde. Anche l’latra notte una pattuglia delle Volanti, proprio in quell’area, ha sanzionato due riminesi di 20 e 22 anni ubriachi e in violazione dell’orario del coprifuoco.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui