CESENATICO. Si presero a cazzotti in discoteca e adesso sono a processo. Si tratta di due napoletani residenti a Bellaria Igea Marina e di un rumeno e di un bulgaro residenti nel Ravennate, tutti ora poco più che ventenni. Ieri gli investigatori dell’Arma che hanno lavorato sulla vicenda sono stati ascoltati. Così come sono state acquisite le immagini di video sorveglianza registrate all’esterno del locale ed ascoltate due ragazze protagoniste della vicenda.

I fatti risalgono al 16 marzo 2014 alla discoteca Energy, dove quella sera si balla sotto le insegne del “Travolta”. Il giudice Sonia Serafini dovrà dipanare la matassa dell’accaduto.
In pista un rumeno – spinto, secondo la sua versione – andò a sbattere in una ragazza e mentre gli stava chiedendo scusa, era arrivato il fidanzato che gli aveva dato un cazzotto. I due si erano azzuffati e si erano poi dati appuntamento fuori dal locale, dove sarebbero stati spalleggiati entrambi da un amico. Ad avere la peggio era stato il fidanzato, gravato da trenta giorni di prognosi.

Scattarono poi le querele reciproche. Ma il rumeno inizialmente non sapeva nemmeno il nome del rivale e la denuncia era stata fatta contro ignoti. Mentre la denuncia stava per essere archiviata, spuntò però il nome del bellariese: è nella denuncia contro il rumeno. Così all’inizio c’erano due procedimenti, che adesso sono stati riuniti. I protagonisti del diverbio devono rispondere reciprocamente di lesioni e rissa; i due amici “soltanto” di rissa.

Argomenti:

cesenatico

discoteca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *