Wunderkammer al teatro Galli di Rimini per la Sagra Malatestiana

Mai come oggi c’è bisogno di più Europa e Rimini lo sa bene. Sicché anche la sua prestigiosa vetrina musicale internazionale (spesso si dimentica che ha ben 73 edizioni alle spalle!) bene ha fatto a commissionare per questa edizione un inedito programma del concerto della poliedrica WunderKammer Orchestra che torna al teatro Galli questa sera – ore 21 – con un nuovo progetto intitolato “Le voci dell’Europa”, destinato a mettere in luce come da sempre anche i grandi compositori hanno amato attingere alle sorgenti della musica popolare, rielaborandole e trasformandole.

«Il concerto Le voci dell’Europa – spiega il pianista e compositore Paolo Marzocchi, ideatore del progetto – si apre e si chiude nel segno forte del compositore più europeo che possiamo pensare: Ludwig van Beethoven. La figura di Beethoven, nello stereotipato immaginario collettivo icona della ‘musica assoluta, dell’uomo che lotta con il proprio destino, compositore col volto scarmigliato e perennemente imbronciato, è in realtà ben più articolata, e – potremmo dire – molto più “umana”».

Con la direzione di Carlo Tenan e la voce del soprano Hélène Walter ecco le Danze tedesche di Schubert, i canti ungheresi e slovacchi e i dieci Pezzi ungheresi di Béla Bartók, le due Shkoder Songs di Paolo Marzocchi incorniciati da dodici Contraddanze e da dieci brani dei Europaeische Volkslieder arrangiati da Beethoven.

Il programma è un’immagine che disegna i confini culturali dell’Europa, incurante delle divisioni e della politica. «Nella nostra selezione di Lieder europei – continua Marzocchi – qui rielaborati per prima volta per la WunderKammer Orchestra, ascoltiamo dunque un Beethoven inedito, talvolta antico, talvolta quasi belcantistico, come nel caso del bolero Una paloma blanca (che per certi versi sembra uscito dalla penna di Rossini), o altre volte anticipatore di atmosfere quasi novecentesche. Tra i più interessanti Schöne Minka, aria “cosacca” (ora diremmo “ucraina”), in cui si parla di una madre che piange addormentando il bambino, immaginando quando sarà grande e andrà in guerra a combattere e a morire, da eroe. Letto oggi, il testo mette i brividi». Ingresso: 15 10 euro. Info: 0541 793811

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui