Willie Peyote e Samuele Bersani a “Soglianosonica”

Piazza Matteotti di Sogliano al Rubicone tiene a battesimo un nuovo festival, alla prima edizione: si tratta di “Soglianosonica”, che prevede due serate con altrettanti cantautori italiani: oggi Willie Peyote e domenica 7 Samuele Bersani. Il borgo collinare che domina la vallata dalla sorgente del Rubicone è intriso di musica: ospita infatti il Museo del disco d’epoca, e la piazza Matteotti ha ospitato negli anni grandi concerti. Peyote e Bersani si sono incrociati a Sanremo 2021, dove il secondo era ospite del primo nella serata delle cover, in cui hanno cantato insieme “Giudizi universali” di Bersani. Durante questa mini rassegna il primo a salire sul palco sarà il rapper e cantautore torinese Willie Peyote, in tour per presentare l’album “Pornostalgia”. Nella sua carriera la parola ha sempre avuto un ruolo primario rispetto alla musica, un po’ come per tutti i rapper e cantautori, ma per lui un po’ di più, perché, ad esempio, Peyote è reduce dal tour primaverile “Peyotemes”, una specie di talk show in cui alternava i suoi brani a discussioni con ospiti e pubblico su vari temi. Questo nuovo album contiene addirittura brani interamente parlati, a volte lasciati ad ospiti, come nel caso di “Fare schifo”, “cantato” dalla cabarettista Michela Giraud. Ci sono altri ospiti in questa raccolta pubblicata tre mesi fa, tra cui la cabarettista Emanuela Fanelli, Jake La Furia, Samuel e Godblesscomputers. Lo scorso anno Willie Peyote ha partecipato a Sanremo con il brano “Mai dire mai (La locura)”, ottenendo un onorevole sesto posto, e il Premio della critica Mia Martini. In questo tour è accompagnato dalla sua storica band All Done; insieme si definiscono Precaria Orchestra Sabauda. Biglietti a 25 euro.

Bersani arriva invece a Sogliano con il tour dell’album “Cinema Samuele”, tuttora il suo più recente, seppur pubblicato due anni fa. Il disco ha vinto la Targa Tenco, la quinta per Bersani, che ha il record dell’artista più premiato dal Club Tenco. Sarà sul palco con una band di sette musicisti e davanti alle videoproiezioni create per lo spettacolo da Bruno D’Elia. Il cantautore cattolichino è tra i più amati dalla critica fin dagli esordi a inizio anni ’90, quando fu scoperto da Lucio Dalla, con cui ebbe una lunga collaborazione. Anche il pubblico, però, lo ha sempre apprezzato, decretando il successo di molti brani, tra cui “Chicco e Spillo”, “Freak”, “Lo scrutatore non votante” e “En e Xanax”. Due suoi brani, “Giudizi universali” e “Spaccacuore”, sono considerati unanimemente tra i più belli di sempre della musica italiana.

Biglietti esauriti in alcuni settori; controllare su ticketone.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui