Volley, occasione… Unica per Riccione e Consolini

L’obiettivo è chiaro e molto ambizioso. Darsi una struttura il più professionale possibile, dove ogni elemento abbia un ruolo ben definito. Un percorso parallelo, ma esattamente uguale nella metodologia, che abbia come fine ultimo quello di far crescere l’intero movimento pallavolistico giovanile sotto ogni punto di vista: da quello sportivo a quello educativo passando per quello umano.

Si chiama Unica ed è la nuova realtà nata dalla collaborazione tra la Consolini di San Giovanni in Marignano e il Riccione Volley. «Unica è una fusione delle forze delle due società, che vede già l’avvicinamento di altre società del circondario, un’unione di intenti tra le persone che le compongono, con lo scopo di creare sin da subito esperienze specifiche per età e offrire gli strumenti necessari e sufficienti per intraprendere la strada dell’alto livello – spiega Alessandro Zanchi, direttore tecnico di Unica e vice allenatore dell’Omag-Mt – Unica è un sistema di lavoro che organizza tutti gli aspetti del percorso tecnico, motorio ed umano legati alla crescita delle nostre ragazze. È una vera scuola di pallavolo, inserita in una struttura sportiva di stampo altamente professionale, in cui la condivisione, il confronto e il rispetto dei ruoli sono solo alcuni strumenti attraverso i quali le atlete possono raggiungere una qualità di lavoro elevata, rispettando i percorsi di crescita e sviluppo».

Un rapporto di collaborazione, quello tra i presidenti Stefano Manconi e Giuseppe Tontini, iniziato nel settembre del 2020 con un accordo di “amicizia sportiva” e ratificato lo scorso anno quando il progetto è partito nella sua fase embrionale, raccogliendo subito grandi successi. «Abbiamo ottenuto un quinto posto regionale con l’Under 14 e la vittoria del titolo regionale con l’Under 13, oltre che i rispettivi titoli territoriali. La metodologia di lavoro che ha permesso di ottenere questi risultati diventa da oggi patrimonio dei settori giovanili delle due società, grazie alla collaborazione tra diversi professionisti del territorio che in questi anni, ognuno a suo modo, hanno fortemente condizionato la pallavolo locale. Con me ci saranno Marco Balducci, vincitore di numerosi titoli giovanili e oggi coordinatore del Riccione Volley, ideatore del progetto BVolley Romagna, che sarà il direttore organizzativo con ruoli di pianificazione e controllo sulle attività. Il coordinatore delle attività di minivolley e Spike S3 sarà Vittorio Cardone, docente Fipav e responsabile a livello giovanile di diverse società del territorio, con esperienze importanti non solo con i piccoli atleti ma anche nella pallavolo di alto livello. Il compito di contribuire allo sviluppo dei progetti dell’organizzazione e alla valorizzazione dei talenti delle persone è affidato alla psicologa e mental-coach Monica Paliaga, laureata anche in Scienze della comunicazione, docente universitaria ed ex atleta della nazionale di atletica».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui