Volley, c’è da salvare il futuro di Ravenna

Piacenza nel destino. Al PalaBanca la Robur Costa vinse alla nona giornata la sua prima partita nel campionato del ritorno nell’allora serie A1, al PalaBanca la Consar (sconfitta domenica nell’ultima partita stagionale) rischia di vedere concluso un ciclo che dura ormai da dieci anni perché il futuro del club ravennate al momento è costellato di dubbi che saranno probabilmente sciolti nelle prossime settimane. I vertici della società presieduta da Daniela Giovanetti si riuniranno per capire se si potrà proseguire l’avventura in Superlega o mollare la presa e ripartire da un campionato di livello inferiore. La certezza è che il prossimo anno la Consar non farà l’A2, visti i costi ingenti qualora si decidesse di ridimensionare il progetto. In caso di rinuncia alla Superlega il club giallorosso sta sondando il “mercato” di eventuali diritti in serie A3, la terza categoria nazionale nata un paio di anni fa, un “cuscinetto” per mantenere la pallavolo di buon livello senza dover ricorrere a un esborso esagerato di fondi. Un campionato più che dignitoso che permetterebbe alla Consar di sostenere da sola il progetto, proseguendo anche con tutta l’attività giovanile.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui