Volley A2, la Consar Rcm deve concentrarsi sulle false partenze

La Consar Rcm si appresta a completare il trittico di fuoco che, dopo l’esordio casalingo perso contro il Kemas Lamipel Santa Croce Sull’Arno, proseguirà domenica sul difficile campo della Bcc Castellana Grotte e si concluderà mercoledì 19 nel turno infrasettimanale al Pala Costa contro l’Agnelli Bergamo, già da diversi anni ai vertici dell’A2. Dopo il primo set da dimenticare giocato contro i toscani nella gara d’esordio, la Consar Rcm ha messo in mostra un buon volley, anche se si è ancora lontani dall’intesa perfetta. Bonitta comunque ha le idee ben chiare per quali saranno le sue bocche da fuoco per questa stagione. «Per il ruolo di opposto ho una grande fiducia in Bovolenta e bisogna dargli il tempo di maturare. Nel match d’esordio, dopo un inizio difficile come per tutta la squadra, da metà del secondo set si è preso i suoi rischi e le sue responsabilità, attaccando con una certa continuità. Nel ruolo di schiacciatore – prosegue Bonitta – opterò invece spesso per la rotazione, perché ci sono giocatori più tecnici e meno potenti ed altri più potenti e meno tecnici, quindi cercherò di trovare l’alchimia giusta in base all’avversario che abbiamo di fronte, i giocatori lo sanno e sanno che avranno lo spazio tutti, perché sono intercambiabili».

Il capitano Riccardo Goi è invece preoccupato dell’approccio con il match: «Credo che sia da migliorare la concentrazione e l’efficacia nel primo set – spiega il capitano della Consar – è un problema che ci portiamo dietro dalle prime amichevoli, dovremo iniziare meglio perché non possiamo regalare un set agli avversari come accaduto contro Santa Croce. Pecchiamo ancora di qualche ingenuità che non possiamo permetterci, soprattutto dopo il 20, come accaduto all’esordio».

Quali differenze tra il Pala De Andrè e il Pala Costa? Nella gara di esordio molti palloni hanno toccato il basso soffitto del vecchio impianto ravennate. «Non credo questo sia un grosso problema – prosegue Goi – dovremo abituarci, è così per noi ma lo è anche per i nostri avversari, al Pala Costa sentiamo i tifosi più vicini e questo invece potrà diventare un fattore importante durante il prosieguo del campionato».

Domenica a Castellana Grotte la Consar Rcm incrocerà un ex ravennate, Matteo Zamagni, nella rosa del Porto Robur Costa nell’anno della promozione in A1 (2010/2011) mentre il tecnico di Bergamo che affronterà i ravennati mercoledì prossimo, è Gianluca Graziosi, ex allenatore dei romagnoli nella stagione 2018/2019.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui