Volley A2 donne, la Teodora del 2022 ha una faccia diversa

Continua l’imbattibilità dell’Olimpia Teodora nel 2022. La squadra di Bendandi ha vinto al tie-break in rimonta, espugnando il Geo Palace di Olbia: reduce dalla vittoria contro Marsala, è riuscita a portare a casa il primo e il quarto set, perdendo però nettamente i due parziali centrali del match. «Non è stata una partita bellissima – commenta il capitano dell’Olimpia, Giulia Rocchi – anche la mia prestazione non mi ha soddisfatta in pieno, ma quello che conta è la vittoria. Sono molto contenta dell’atteggiamento che abbiamo messo in campo, perché riprendere dopo uno stop così lungo non era facile. Dal punto di vista tecnico si può fare meglio, ma siamo soddisfatte».

Le ravennati sembrano avere iniziato il nuovo anno con uno spirito diverso. «Durante la pausa di Natale e Capodanno abbiamo lavorato molto. Nello spogliatoio ci siamo guardate in faccia e abbiamo cercato di capire quali fossero i problemi. È scontato dire che non tutte le avversarie sono sullo stesso livello e quindi nell’arco del campionato è normale non vincere sempre, ma comunque c’è stato un cambio di atteggiamento e soprattutto di consapevolezza».

Rocchi e compagne sono finalmente tornate in campo dopo il lungo stop causato dal Covid. «La pausa forzata è stata terribile – prosegue il libero – in generale convivere col Covid in palestra è pesante perché non riesci mai a giocare serena e ti perdi sempre troppo a pensare a quanto stare attenta e poco a quello che in realtà devi fare in quel momento. Sappiamo che è tosta e lo è per tutti, ma dobbiamo continuare a stringere i denti».

Per il libero maceratese questo è anche il primo anno da capitano. «Diciamo che il ruolo da capitano è sempre molto particolare, sia in una squadra giovane che in una più esperta. Spesso ti trovi di fronte a tante dinamiche nuove, ma per me è molto stimolante. Essendo libero non ho mai avuto la possibilità di essere capitano e quindi non mi sono mai preoccupata troppo di come potesse essere, ma come ruolo mi piace molto. In una squadra giovane come la nostra devi avere un occhio di riguardo in più e devi cercare di essere anche un punto di riferimento per le ragazze meno esperte cercando di trovare sempre i modi e le parole giuste, però mi sto divertendo molto e pur non essendo troppo vecchia queste ragazze mi fanno tornare giovane».

Ufficializzate intanto le date dei recuperi: a Sant’Elia giovedì 17 alle 18.30, in casa con Aragona mercoledì 23 alle 19.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui