Volley A2 donne, De Lorenzi: “Teodora, le avventure senza il giusto budget non mi piacciono”

Si chiude la stagione dell’Olimpia Teodora. Rocchi e compagne hanno lottato fino all’ultimo punto mettendo i brividi al Talmassons. All’Olimpia però rimane una grande prestazione omaggiata anche dalla standing ovation del proprio pubblico.
«Sono soddisfatto che la squadra abbia raggiunto i play-off – afferma il presidente Paolo De Lorenzi – perché era l’obiettivo di inizio anno. C’è un po’ di rammarico per lo scivolone contro Altino che ci avrebbe permesso di chiudere al sesto posto per avere un primo turno post-season più favorevole. Durante l’anno le problematiche non sono mancate come la partenza di Fricano: era una decisione presa di comune accordo, siamo rimasti sorpresi leggendo le sue dichiarazioni perché la società ha sempre lavorato nel massimo rispetto e nella tutela della sua salute, ma evidentemente faceva fatica ad accettare le prestazioni non all’altezza. In ogni caso Bulovic ha saputo interpretare benissimo il ruolo di opposto».
Le partite contro Talmassons? Così De Lorenzi: «Hanno dato il giusto merito alle ragazze che hanno dimostrato di saper esprimere una bella pallavolo rimettendo in campo quel carattere visto per tutto il nuovo anno. Devo fare i complimenti anche allo staff che ha impostato una preparazione tale da fare arrivare le ragazze in gran forma in queste due partite dei play-off. Purtroppo, abbiamo incontrato un avversario più forte di noi dotato di attaccanti di una qualità eccezionale, ma l’impegno c’è stato e vedere lottare così tanto le ragazze nelle ultime due partite mi ha reso felice».
Ora per Ravenna è tempo di bilanci: «Col senno di poi è facile dire cosa avremmo potuto fare ma già a inizio anno eravamo consapevoli di avere una squadra molto giovane e soprattutto nuova che aveva bisogno di giocare insieme per trovare la giusta alchimia che serviva. Ora deve rimanere la grande prestazione di queste due partite e la consapevolezza di essere usciti a testa alta».
Conclusa la stagione per l’Olimpia è il momento di pensare al futuro. «A breve ci troveremo per fare il punto sulla situazione. Non ho ancora nessuna idea sul futuro, ma le difficoltà incontrate negli ultimi anni per reperire le risorse economiche non sono diminuite e quindi è necessario valutare bene il da farsi. Le avventure senza un budget adeguato non mi piacciono».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui