Volley A2, Consar: Mattia Orioli, il baby di ghiaccio che mette a terra i palloni decisivi

La Consar Rcm, forte delle tre vittorie consecutive e del sesto posto in classifica, si prepara in palestra in vista delle due trasferte a Cantù e Vibo Valentia, che potrebbero rappresentare un vero spartiacque per il torneo dei ravennati.

Il recupero di Pinali dopo l’infortunio di inizio stagione ha permesso una miglior efficacia in attacco, spostando l’attenzione dei muri avversari anche su questo giocatore, sempre in doppia cifra negli ultimi incontri, consentendo al regista di poter smarcare spesso i suoi attaccanti. Guardando le classifiche individuali di rendimento troviamo proprio Pinali quarto nella classifica delle battute vincenti (11) mentre Bovolenta risulta il settimo miglior realizzatore del torneo con 145 punti, Francesco Comparoni è quinto nella classifica dei muri (26), ma è nella ricezione, fondamentale da cui nasce tutto il gioco di squadra, dove la Consar Rcm primeggia, con il capitano Riccardo Goi ottavo nella classifica delle ricezioni perfette (63) e primo nella media ponderata, mentre lo schiacciatore Mattia Orioli secondo per ricezioni perfette (73) ed ottavo nella media ponderata. Ed è proprio lui che a raccontare questo buon momento. «Stiamo lavorando bene in palestra e i risultati si vedono in campo. Nell’ultima partita contro Prata siamo stati bravi a contrastare il loro gioco, molto intenso e con un ottimo servizio, e siamo stati lucidi nel quarto set, riuscendo a recuperare lo svantaggio iniziale ed ottenendo tre punti fondamentali per la classifica».

Il Pala Costa si sta rivelando un vero e proprio fortino, con la sola Tipiesse Bergamo capace di espugnarlo. «I ravennati conoscono la pallavolo e sono un pubblico esigente ma appassionato – prosegue Mattia – al Pala Costa, essendo un palazzetto molto chiuso, sentiamo tutto il loro calore e questo ci aiuta nei momenti più difficili».

Mattia Orioli, oltre ad essere un perno della ricezione, ha messo a segno l’ultimo punto del match sia contro Lagonegro che contro Prata, dimostrando che la sua lucidità, anche nei momenti importanti, può essere un’arma in più. «Credo sia stato un caso che siano capitati a me gli ultimi punti – continua Orioli – l’importante è mantenere la freddezza in ogni momento». È tra i migliori ricevitori del torneo, quali sono le sue sensazioni? «Mi fa piacere perché la ricezione è parte fondamentale del mio ruolo – conclude Orioli, ma sto lavorando molto in palestra per migliorare il mio rendimento anche in attacco e a muro».

La Consar Rcm giocherà le prossime due partite in trasferta, il 29 novembre a Cantù ed il 3 dicembre a Vibo Valentia contro il Tonno Callipo, attualmente capolista della serie A2. Quest’ultima partita però potrebbe saltare causa l’attuale positività di più di tre giocatori calabresi, che ha fatto rinviare la loro partita di domenica prossima contro Reggio
Emilia.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui