RAVENNA. La Polizia di Stato ha arrestato un 40enne per violenza sessuale e atti persecutori nei confronti della ex fidanzata. Nella seconda metà del mese di luglio la ex ha formalizzato denuncia negli uffici della Questura di Bologna, sostenendo che l’uomo l’aveva costretta a subire atti sessuali all’interno di una struttura alberghiera di Ravenna, dove la coppia si trovava per una breve vacanza. In seguito a tale episodio e alla volontà della donna di interrompere la relazione, peraltro appena avviata, l’uomo con condotte persecutorie, ha iniziato a molestare e
minacciare la ex compagna con messaggi telefonici e invio di fotografie che testimoniavano anche un’attività di pedinamento nei suoi confronti.

Sulla scorta di quanto denunciato dalla parte offesa, le Squadre Mobili delle Questure di Ravenna e Bologna, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Ravenna, hanno svolto mirata attività d’indagine sulla vicenda che hanno consentito di raccogliere importanti elementi di riscontro circa il racconto della denunciante.
Le fonti di prova individuate dalla Squadra Mobile hanno permesso alla Procura della Repubblica di richiedere l’emissione di ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Ravenna, ritenendo valido il quadro probatorio e le fonti di prova raccolte nei confronti dell’indagato, ha emesso il provvedimento coercitivo. Ieri sera, gli investigatori hanno individuato e rintracciato il 40enne, che dopo le formalità di legge, è stato condotto in stato d’arresto alla Casa Circondariale di Bologna.

Argomenti:

ravenna

violenza sessuale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *