BOLOGNA. “Women. Un mondo in cambiamento” il titolo della mostra fotografica in programma dal 15 febbraio al 17 maggio 2020 nel complesso di Santa Maria della Vita (via Clavature, 8/10) a Bologna. L’esposizione, organizzata da National Geographic in collaborazione con Genus Bononiae. Musei nella città e Fondazione Carisbo, getta uno sguardosulla condizione della donna in tutti i continenti e nel tempo, attraverso circa 70immagini provenienti dagli archivi della National Geographic Society

“Una mostra che ci fa riflettere sui cambiamenti delle donne, ma soprattutto su come le donne possano incidere sulla società e cambiarla – ha detto l’assessora Valentina Orioli, intervenuta alla conferenza stampa assieme al presidente di Genus Bononiae Fabio Roversi-Monaco e al curatore della mostra Marco Cattaneo, Direttore del National Geographic Italia. – Esprimo la soddisfazione del Comune perché l’esposizione solleva un tema che ci sta molto a cuore, e che è centrale nel nostro impegno quotidiano”. 

Un viaggio attraverso un secolo di storia delle donne in tutti i continenti, con diverse prospettive e focalizzando l’attenzione sui problemi e le sfide di ieri, oggi e domani nei vari paesi ed epoche. Ogni immagine crea un ritratto di alcuni aspetti dell’esistenza femminile e mostra ai visitatori come la rappresentazione delle donne si è evoluta nel tempo. Così le immagini festose delle ballerine di samba che si riversano nelle strade durante il carnevale di Salvador da Bahia si alternano a quelle delle raccoglitrici di foglie di the in Sri Lanka. E ancora il ritratto di donna afghana in burqa integrale rosso che trasporta sulla testa una gabbia di cardellini, potente metafora di oppressione, si contrappone all’immagine di libertà e bellezza di una ragazza in pausa sigaretta a Lagos, in Nigeria. 

A 100 anni dalla concessione del diritto di voto alle donne negli Stati Uniti, la mostra riflette sul passato, presente e futuro delle donne illustrandone alcuni aspetti e incentrandosi sugli obiettivi di sviluppo che le vedono al centro di ogni processo di crescita sociale, politica, economica.
“In un secolo la condizione femminile è cambiata radicalmente, in alcune parti del mondo ma non dappertutto: in Occidente, sicuramente, anche se ci sono ancora sfide importanti – dice Marco Cattaneo -.  La parità salariale, per esempio, sul fronte pratico, ma anche questioni assai più sottili come i pregiudizi radicati nella società sulla violenza sulle donne. Altrove le sfide sono ancora più fondamentali. E se il cammino da percorrere è ancora lungo, in questa mostra abbiamo cercato di raccontare i passi compiuti e di accendere una speranza per un futuro in cui a nessuno siano negati i propri diritti”.

Women. Un mondo in cambiamento
A cura di Marco Cattaneo
Dal 15 febbraio al 17 maggio 2020
Chiesa S. Maria della Vita, via Clavature, 8-10, 40124 Bologna BO
Orari: martedì/domenica, ore 10.00 – 19.00
Ingresso: intero 10 euro, ridotto 8 euro
Informazioni mostra: tel. +39 051 19936343 – mail: esposizioni@genusbononiae.it
Sito web: www.genusbononiae.it

Viaggio fotografico attraverso un secolo di storia delle donne
PERMITTED USE: This image may be downloaded or is otherwise provided at no charge for one-time use for coverage or promotion of the National Geographic exhibition “WOMEN” and exclusively in conjunction thereof. Copying, distribution, archiving, sublicensing, sale, or resale of the image is prohibited.REQUIRED CREDIT AND CAPTION: Any and all image uses must (1) be properly credited to the relevant photographer, as shown in this metadata, and (2) be accompanied by a caption that makes reference to the National Geographic exhibition “WOMEN.” DEFAULT: Failure to comply with the prohibitions and requirements set forth above will obligate the individual or entity receiving this image to pay a fee determined by National Geographic.RANDY OLSON, 2007Schoolgirls in Ghana help prepare for the opening of the Maranatha Maternity Clinic by carrying chairs to the ceremony.
Argomenti:

genus Bononiae

national geographic

women

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *