Viadotto sulla E45, la Procura autorizza lavori. Via libera ai cantieri

Viadotto sulla E45, la Procura autorizza lavori. Via libera ai cantieri

CESENA. Fumata bianca per l’E45. A seguito dell’incontro avvenuto nelle scorse settimane ad Arezzo, il procuratore Roberto Rossi ha comunicato al sindaco di Sansepolcro Mauro Cornioli, in qualità di referente dei sindaci del tracciato della superstrada, a Claudio Marcelli del Comune di Pieve Santo Stefano, Marco Baccini del Comune di Bagno di Romagna, Paolo Fratini del Comune di San Giustino e Luciano Bacchetta del Comune di Città di Castello, la concessione ad Anas dell’autorizzazione per svolgere gli interventi di messa in sicurezza del viadotto Puleto della E45.

Concluse le verifiche ispettive richieste dal gip ed eseguite dall’ingegner Claudio Modena, la Procura ha dato il via libera alla ripresa dei lavori sull’infrastruttura che a inizio anno era stata sequestrata. Ora i cantieri possono riaprire; per la definitiva conclusione delle opere i tecnici hanno stimato una tempistica di circa due settimane.

“Riceviamo questa buona notizia, che purtroppo non ci entusiasta in considerazione del fatto che il tempo trascorso è eccessivo ed ha prodotto già danni ingenti al nostro tessuto economico – dichiara Marco Baccini Sindaco del Comune di Bagno di Romagna -. Adesso l’unico obiettivo a brevissimo dovrà essere la veloce riapertura della E 45 anche ai mezzi pesanti, che stando alle indicazioni di Anas potrebbe avvenire nel giro di 10/15 giorni. In ogni caso, arrivare a questo punto dopo 6 mesi di stallo e lentezze di vario genere, a fronte di una emergenza nazionale, è la dimostrazione di un Paese che si perde nella concentrazione della burocrazia e sullo scarico delle responsabilità perdendo di vista la concretezza dei problemi e soprattutto la tutela dei cittadini, che alla fine sono sempre quelli che ci rimettono di più. Ora attendiamo che Anas concentri tutti gli sforzi per attivare il cantiere con pieno impegno di personale e esecuzione delle opere 7 giorni su 7”.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *