Oggi 1 settembre prima tappa da Siviglia ad Almaden della Plata, piccolo borgo rurale dell’Andalusia, attraverso altri piccoli borghi rurali Guillena e Castelblanco de los Arroyos per un totale di circa  80 km (vedere traccia allegata del percorso) attraverso numerosi saliscendi con pendenze anche significative intorno al 7% che ci hanno messo in difficoltà soprattutto per le elevate temperature con punte ben oltre i 35-36 gradi sotto un sole canalicolare. 

Verso Santiago, prima tappa: da Siviglia ad Almaden della Plata

Non più di cinque pellegrini incontrati (tre a piedi e due in bicicletta) tutti con scarsa attitudine a colloquiare probabilmente per il caldo veramente notevole da cui erano molto impegnati a difendersi.

[meta_gallery_slider id=”98936″]

Il paesaggio caratterizzato da estese sugherete mostrava una solitudine totale in cui talora comparivano figure di bellissimi cavalli e bovini in particolare giovani tori. I piccoli, bianchi, assolati Paesi Andalusi interrompevano di tanto in tanto la solitudine del paesaggio. La giornata è stata anche caratterizzata da una foratura alla ruota anteriore della bicicletta di Barbara che è stata risolta brillantemente con l’aiuto di Aldo con una bomboletta riparante per cui si è giunti tranquillamente a destinazione. Inutile dire che oggi l’idratazione è stata una necessità inderogabile per poter giungere alla meta e la quantità di liquidi assunti durante e dopo ha sicuramente raggiunto i 4-5 litri. Le poche persone incontrate e non ultimo il proprietario dell’Auberge El Romaral di Almaden sono state molto premurose con noi dandoci indicazioni sulle difficoltà del percorso, cercando per quanto possibile di sorreggerci e aiutarci in tutti i modi. Questa prima, grande fatica è terminata; domani cercheremo di raggiungere Zafra in una giornata che si preannuncia caratterizzata da alte temperature con percorso ondulato e in salita fin verso i 700 metri. Speriamo bene. Buen Camino.

Argomenti:

diario di viaggio

massimo vincenzi

Santiago de Compostela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *