Verghereto, progetto milionario per il rifugio e le piste da sci

Col progetto “Fumaiolo outdoor tutto l’anno”, la “Rifugio Fumaiolo srl” e il Comune di Verghereto, insieme ad associazioni, alla Pro Loco e al Club Alpino Italiano di Cesena, intendono rilanciare la promozione turistica di tutto il comparto del Monte Fumaiolo, a partire dalla riqualificazione e dal rilancio del Rifugio Biancaneve e degli impianti di risalita. La “Rifugio Fumaiolo srl”, con sede ad Alfero, e l’amministrazione comunale hanno sottoscritto in proposito un patto di collaborazione. L’accordo è stato stretto anche in nome e per conto della Provincia, contitolare di rifugio e impianti di risalita al Monte Fumaiolo, immobili coinvolti nel progetto. L’obiettivo è la partecipazione al bando del Ministero del Turismo relativo alla misura “Montagna Italia”, che si prefigge di sostenere programmi di investimento per il rilancio del turismo montano attraverso adeguamenti infrastrutturali e la promozione di prodotti turistici in un’ottica di sostenibilità.

Le candidature per il finanziamento possono essere presentate da soggetti privati che abbiano preventivamente stipulato un patto di collaborazione con un soggetto o un ente pubblico riferibile alla montagna. Il progetto ha principalmente l’obiettivo di «dare nuova vita all’ambito turistico del Monte Fumaiolo» con una serie di interventi di valorizzazione del patrimonio locale, riattivando le strutture presenti e creando nuovi servizi. Si spera così di poter riattivare rifugio e impianti di risalita, chiusi da anni. Insieme al progetto di riqualificazione funzionale della struttura del Rifugio Biancaneve, sono stati previsti sviluppo di servizi, strutturazione di offerte turistiche, promo-commercializzazione, riattivazione degli impianti di risalita con attività sia invernale che estiva (trasporto bike), bike-park e altro. La “nuova vita” al comparto del Fumaiolo, anche grazie alle collaborazioni già avviate, verrà proposta con azioni relative allo sport, col bike in tutte le sue versioni (dal downhill alle e-bike, dalle mountain bike al ciclismo su strada, alle fat bike), col trekking, l’arrampicata, lo sci alpino e lo snowboard. Altre azioni riguarderanno gli aspetti della conoscenza del Fumaiolo e delle sorgenti del Tevere (attraverso itinerari, percorsi didattici, trekking fotografici), delle eccellenze e dei prodotti (conoscenza e raccolta tartufi e funghi, pera cocomerina, castagne, zafferano locale), delle conoscenze tecniche con corsi per l’avvio alla mountain-bike o di iniziazione allo sci. La spesa del progetto si aggira attorno a 1 milione di euro.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui