CESENA. Il caso più appariscente si è verificato su un fianco dell’edificio che ospita il centro commerciale Montefiore e la “torretta” con gli uffici e le sedi di numerose aziende. Sotto forma di lamiere scoperchiate dai muri di cinta che pendevano pericolosamente e minacciavano di colpire persone in transito a piedi e vetture (se mai si fossero staccate del tutto). È stato l’effetto del vento che è spirato con costanza per tutta la giornata di ieri e su tutta la provincia, non solo a Cesena. In tutto i territorio provinciale i vigili del fuoco sono dovuti intervenire in una trentina di casi tra rami e piante pericolanti e tegole che rischiavano di volare a terra dai tetti. Il vento ha continuata battere con costanza la zona soffiando sopra ai 30 chilometri orari per tutto l’arco di tempo tra le 13 e le 16. Ma con folate che tendevano a creare pericolosi effetti.

Come successo al Montefiore. A sollevarsi sono state delle lamiere non troppo pesanti ma potenzialmente acuminate e quindi molto pericolose. Operai sono stati subito chiamati verso le mura di cinta lato nuova caserma dei carabinieri, per cercare di porre rimedio rimuovendo i rischi del tutto.

Argomenti:

cesena

vento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *