Vela, Rosetti rompe il pilota automatico ma arriva alle Canarie VIDEO

https://youtu.be/E_S8GJ4WEF0

LAS PALMAS. Oltre mille miglia col pilota automatico rotto costretto a fare turni massacranti al timone. Luca Rosetti però ha tenuto duro e ieri attorno alle 15 ora italiana, dopo 11 giorni di navigazione, è giunto al traguardo della prima tappa della MiniTransat, la regata in solitario della classe Mini, sulla rotta La Rochelle-Las Palmas (Canarie)-Martinica. Il velista bolognese 24enne, istruttore al Club Nautico di Rimini, portacolori del Circolo nautico Amici della vela di Cervia, è giunto all’arrivo sfinito. «Dopo Finistere il mare formato che abbiamo incontrato ha fatto sganciare la zattera di salvataggio che ha colpito il pilota automatico e lo ha messo fuori uso. In bolina riuscivo a risolvere con un elastico ma di poppa è stato molto più difficile: facevo dei turni di 14-15 ore al timone e poi crollavo sfinito dopo aver tolto la randa. Per il resto ho avuto tutti problemi risolvibili. Mi è persino successo che un delfino “curioso” si è scontrato col timone e con la botta ha crepato un po’ lo specchio di poppa».
Rosetti è arrivato 19esimo in categoria Proto. Nella categoria Serie l’italiano Ambrogio Beccaria è giunto primo. Si riparte per le Canarie il 2 novembre.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui