RIMINI. Una regata molto veloce: Rimini, Gagliola, Sansego e ritorno in meno di 24 ore. Il successo di Lo Re, barca vincitrice della Rigasa 2020, forse la più veloce della storia, è stato costruito durante la notte. «Durante la prima traversata», spiega lo skipper Matteo Forni, «siamo sempre stati appaiati con i nostri avversari. Quando è sceso il buio abbiamo continuato a darci dentro e all’alba abbiamo visto che avevamo un bel distacco dietro di noi».

È probabile che la gara sia stata decisa proprio dal tratto fra Gagliola e Sansego dove le barche hanno dovuto procedere di bolina. Durante tutta la regata ha soffiato un vento da Scirocco tra i 15 e i 30 nodi di raffica con delle onde che in certi casi hanno raggiunto i due metri. Condizioni impegnative ma non impossibili, forse ideali per realizzare quella che è diventata una Rigasa velocissima.
«Abbiamo viaggiato quasi sempre attorno agli 8-9 nodi», continua Forni. «Al ritorno grazie alla leggerezza della nostra barca abbiamo sfruttato bene anche le planate sulle onde raggiungendo punte di velocità di 15 nodi! Ci dispiace per chi è stato costretto al ritiro». Una cavalcata entusiasmante per l’equipaggio del Solaris OD 36 che ha consentito di evitare il ritorno di Blu II e Renoir, barche più lunghe giunte a Rimini con nemmeno mezz’ora di distacco. «Sono molto soddisfatto» conclude lo skipper, «perché in questi anni di regate abbiamo vinto tante gare ma quella di casa ci mancava. Abbiamo azzeccato le regolazioni di albero e sartie e l’equipaggio è stato grandissimo rinunciando spesso ai turni di riposo». Con Matteo in barca Ugo Peroni, Filippo Mascarin, Luca Soattin, Francesco Bardi, Paolo Casadei. Per loro all’arrivo la sorpresa di un bel brindisi in banchina organizzato da amici velisti spesso rivali in altre regate.
La Rigasa 2020, organizzata dal Circolo Velico Riminese, è stata portata a termine da otto barche. Tre sono stati i ritiri per rotture o avarie poco dopo la partenza data venerdì pomeriggio alle cinque: Cippa Lippa, Mr Hyde e Serenissima.

Ecco l’ordine d’arrivo over all (nei prossimi giorni classifiche di categoria e tempi ufficiali).

  1. Lo Re (Matteo Forni) arrivata sabato alle 16.16 e 16 secondi
  2. Blu III (Andrea Mancini) 16.42
  3. Renoir (Mario Pellegrini) 16.45
  4. Gecko (Massimo Juris ed Enrico Maccaferri) 16.53 (prima barca equipaggio in doppio)
  5. Helium (Massimo Pieri) 18.02.
  6. Pokekiakkiere (Alberto e Stefano De Rossi) 20.11 (equipaggio in doppio)
  7. Nina (Nicola Ferri) 20.48
  8. Soffio Kokopelli (Giorgio Tognolo) 21.05
Argomenti:

Lo Re

rigasa

vela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *