Damien Seguin all'arrivo vestito da pirata

LES SABLES-D’OLONNE. Il giro del mondo in ottanta giorni. Sono otto i velisti della Vendée Globe che hanno concluso l’intero percorso sulla scia del famoso romanzo di Jules Verne. La nona edizione della regata in solitario senza scalo e senza assistenza ha regalato tanti colpi di scena. Il primo arrivato è stato ieri sera alle 19.35 il francese Charlie Dalin su Apivia, ma lo skipper vincitore è Yannick Bestaven (Maitre CoQ IV) arrivato alle 3.19 di oggi. Bestaven ha potuto abbassare il suo tempo di regata grazie alle dieci ore e 15 minuti dedicati alla ricerca in mare di Kevin Escoffier, poi soccorso e recuperato in mare da Jean le Cam. Tempo totale di Bestaven 80 giorni, 3 ore e 44 minuti. Tempo totale di Dalin 80 giorni 6 ore e 15 minuti.

Boris Herrmann all’arrivo

L’altro colpo di scena è stato quello che riguarda il tedesco Boris Herrmann (grande amico di Giovanni Soldini). Anche lui aveva da scontare qualche ora per le ricerche di Escoffier. Ma ad appena 90 miglia dall’arrivo quando era in lotta per il successo finale, mentre dormiva, ha urtato un peschereccio riportando dei danni che ne hanno rallentato la corsa fino al porto di Les Sables-d’Olonne.

Da segnalare la bellissima prova di Damien Seguin, il marinaio nato senza la mano sinistra. E’ arrivato a sole 17 ore dal primo ma su una barca di vecchia concezione, la prima giunta al traguardo senza l’ausilio dei moderni foil. Tanto di cappello… da pirata: all’arrivo si è vestito da bucaniere e ha indossato anche l’uncino!

Giancarlo Pedote

E tanto di cappello anche all’italiano Giancarlo Pedote (su Prysmian). Il velista filosofo fiorentino è giunto al traguardo in settima posizione dopo una bellissima e attenta regata. Ma nell’ordine di arrivo diventa ottavo per il sorpasso dovuto al tempo compensato di Jean Le Cam. Pedote è il quarto italiano della storia a completare la regata più dura ma è quello che riesce a ottenere il miglior risultato. Prima di lui il cervese Simone Bianchetti (12esimo nel 2001), Pasquale De Gregorio (15° sempre nel 2001) e l’italo francese Alessandro Di Benedetto (11° nel 2013).

La classifica (aggiornata alle ore 20.46 del 28.01.2021) :

1 Yannick Bestaven (Maitre CoQ IV) 80 giorni 3 ore e 44 minuti

2 Charlie Dalin (Apivia) 80 giorni 6 ore e 15 minuti

3 Louis Burton (Bureau Vallee) 80 giorni 10 ore 25 minuti

4 Jean Le Cam (Yes We Cam) 80 giorni 13 giorni 44 minuti

5 Boris Herrmann (Seaexplorer) 80 giorni 14 ore 59 minuti

6 Thomas Ruyant (LinkedOut) 80 giorni 15 ore 22 minuti

7 Damien Seguin (Groupe Apicil) 80 giorni 21 ore 58 minuti

8 Giancarlo Pedote (Prysmian Group) 80 giorni 22 ore 42 minuti

Otto concorrenti si sono ritirati. Altri diciassette sono ancora in corsa, molti dei quali a oltre duemila miglia dall’arrivo. Nei prossimi giorni sul Golfo di Guascogna, teatro dell’arrivo, sono previsti forti venti e onde fino a 12 metri.

Argomenti:

Pedote

Vendée Globe

Verne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *