Vasco Rossi incontra Ilaria, fan “rockettara”

«La nostra è una Vita spericolata». Sorride felice la mamma di Ilaria: il sogno della figlia quattordicenne, incontrare da vicino l’idolo Vasco Rossi, era da sempre anche il suo. Lo ha coronato a Rimini dopo avere trovato il modo di avvicinare di persona il cantante sulla soglia del Grand Hotel.

I genitori della ragazzina, Linda Babbi e Federico Peroni, riminesi, oltre che fan del “Blasco” nazionale di vecchia data, sono genitori abituati ad affrontare e a superare gli ostacoli: Ilaria è affetta dalla sindrome di Charge, acronimo inglese che definisce le più comuni caratteristiche della rarissima malattia (difetto visivo, malformazioni cardiache e fisiche, ritardo di crescita). Figurarsi se potevano fermarli le guardie del corpo. «A organizzare l’incontro ci ha dato una mano un agente della polizia locale, ma Vasco appena ci ha visto è stato gentilissimo, si è trattenuto con noi con grande disponibilità». È la madre di Linda a raccontare la scena, perché Ilaria non può parlare. «In realtà lo fa benissimo con le mani, chi la conosce sa che è una gran chiacchierona: ma davanti a Vasco si è intimidita e non è riuscita a dire niente, tanta era l’emozione. Influenzata dalla nostra passione ama le sue canzoni fin da quando era molto piccola. Abbiamo un video nel quale lei, a due anni, balla scatenata sulle note di T’immagini. Ilaria è una rockettara».

All’incontro la ragazzina si è presentata con la maglia dell’associazione Mondo Charge che Linda e Federico hanno contribuito a fondare tre anni fa. «La sindrome è rarissima, a Rimini, è l’unico caso, in Romagna ce n’è solo un altro a Forlì: l’associazione vuole essere un punto di riferimento per aiutare le famiglie ad affrontare problemi di carattere pratico, sanitario e sociale». Vasco, a sorpresa, ha fatto l’autografo sulla T-shirt. «Spero che serva a farci conoscere, ora però qualcuno ci suggerisce di metterla all’asta per raccogliere fondi. Vedremo. Ci piacerebbe tenercela stretta, a ricordo di un momento bellissimo». Una buona idea potrebbe essere quella di sostenere l’associazione senza costringere la famiglia di fan del cantautore di Zocca a privarsi del prezioso cimelio con una donazione (Mondo C.H.AR.G.E. 5X1000 – 92052800155 -IT64F05216502 80000000002942 – Causale: #reCHARGEmeofLOVE o #riCARICAmidamore).

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui