RICCIONE. Si stringe il cerchio sul gruppetto di ragazzi che nella notte tra sabato e domenica ha danneggiato la cupola esterna del ristorante Tanimodi. Le telecamere hanno immortalato i vandali che prima di compiere il gesto hanno anche bivaccato a lungo nella spiaggia di fronte a piazzale Azzarita. I carabinieri sono sulle loro tracce e nel giro di poco dovrebbero arrivare a identificarli. I ragazzi, pare siano tutti giovani compresi fra i 18 e i 20 anni, che si sono fatti largo nella cupola facendo due grossi squarci probabilmente provocati utilizzando delle chiavi.

I giovani teppisti, dopo essere entrati, si sono fermati a bivaccare e fumare sui tavoli esterni. Alla mattina quando i titolari hanno aperto il ristorante si sono trovati di fronte l’amara sorpresa. Il danno arrecato si aggira attorno a diverse migliaia di euro, una bravata stupida rischia di costare molto caro. Il telo della “cupola” infatti è unico, va interamente cambiato e costa 6mila euro, come spiegato dai titolari dell’attività.

Le azioni di vigilanza

Quello dei danni in spiaggia è un problema molto sentito dagli operatori, che ogni anno fanno la conta di migliaia di euro di perdite. A essere colpiti non sono solo bar e ristoranti o bagni, anche le imbarcazioni ormeggiate al porto sono prese di mira dai vandali. Sull’argomento è intervenuto l’assessore al Demanio e candidato alle regionali per Forza Italia, Andrea Dionigi Palazzi: «Sarà mia cura farmi promotore e partecipe perché siano sempre più stringenti le azioni e gli interventi di vigilanza nelle zone balneari, troppo spesso oggetto di atti di incivile vandalismo».

Argomenti:

riccione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *