Vandali “smontano” l’Arco d’Augusto di Rimini

Vandali "smontano" l'Arco d'Augusto di Rimini

RIMINI. Secondo le prime testimonianze raccolte, un gruppo di ragazzini, durante il pomeriggio di venerdì, avrebbe tentato di “smontare” l’Arco d’Augusto, uno dei primi monumenti di Rimini. I vandali hanno spostato massi risalenti a duemila anni fa per puro divertimento, spostandoli dalla loro sede e trascinandoli, nonostante il peso, nel prato o nella fossa a fianco del monumento. Indignato l’addetto alla manutenzione del prato che questa mattina era al lavoro per sistemare tutto. “E’ incredibile come dei ragazzi non capiscano l’importanza di reperti di due millenni fa”. Nei paraggi dell’Arco, in sfregio alla storia di Rimini, bottiglie rotte e cartacce di sigarette infilate nei pertugi delle mura. A mettere in fuga i ragazzini è stata la polizia municipale intervenuta sul posto dopo la segnalazione di alcuni passanti.

Argomenti:

1 commento

  1. Non c’è nessun rispetto nè educazione per l’arte. La colpa è dei genitori che non sanno educare bene i loro figli. Più controllo e essere più severi alla disciplina della crescita di questi piccoli vandali. Che non capiscono e non hanno rispetto per la storia. E’ molto importante costruire e tramandare negli anni tutto ciò che di bello viene creato e realizzato oggi. Nei nostri giorni è avere rispetto per tutti i sacrifici che fanno i nostri genitori. E insegnare ai ragazzi il valore di un bene familiare o storico che sia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *