Valmarecchia, lupi vicino alle case in pieno giorno

Poggio Torriana, avvistamenti di lupi anche in pieno giorno. I residenti chiedono aiuto. A lanciare l’allarme è il portavoce del “Gruppo di vicinato vigile e solidale” che opera nella frazione di Gemmiano, ossia Alessandro Ceriani. Che sottolinea il «disagio e la crescente preoccupazione avvertita dai residenti, di fronte al ripetuto avvicinamento di lupi, sia solitari che in piccoli branchi alle abitazioni». Numerose le strade interessate dagli insoliti incontri fuori dall’ordinario, come le vie Colleverde, Noce, Gemmiano, nonché la provinciale 14ter, detta Torrianese. E il referente puntualizza che i lupi non si aggirano solo di notte, come capitava inizialmente, ma che ormai le visite in serie di questi esemplari costellano anche le ore diurne. Con il rischio, prosegue, che sul loro cammino possa finire «qualche anziano e bambino» con tutte le incognite del caso. Fermo restando che «si tratta di fauna selvatica protetta da una serie di norme e che tali animali posso stazionare, finché trovano cibo per alimentarsi e macchie boschive ricche di steppe, dove trovare riparo e riprodursi».

Da qui l’indagine condotta da Ceriani che ha effettuato un sopralluogo video ‐ fotografico della zona, constatando la mancanza di cura per le macchie boschive «che insistono su aree agricole o private, talvolta – afferma – estremamente ravvicinate alle abitazioni, così da costituire anche un potenziale rischio d’incendio».

Quindi a nome dei residenti chiede alle autorità di intervenire su più fronti: dalla pulizia delle aree verdi «presenti, adiacenti e confinanti con la frazione, alla verifica degli allevamenti di bestiame di bestiame, che devono esser tenuti in modo da non offrire ai lupi occasione di attacchi». Ed ancora: «l’adozione di sistemi di prevenzione adeguati che dissuadono l’avvicinarsi dei lupi alle abitazioni». Senza dimenticare, incalza, la consegna di una sorta di vademecum, con istruzioni che illustrino agli abitanti come comportarsi nell’ipotesi di incontri ravvicinati con questi animali selvatici. E non basta. Perché Ceriani propone infine di «valutare la cattura dei lupi ed il loro eventuale trasferimento in zone appenniniche, quale loro habitat naturale».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui