Vaccini al Camilla Spighi di San Piero: rabbia contro il sindaco

Vaccini al Camilla Spighi le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, alla luce della continuazione degli interventi del sindaco Baccini sulla stampa e media, tornano sul tema della Casa Protetta del Comune

di Bagno di Romagna e dei lavoratori che vi operano. «Continuiamo ad assistere ad una campagna

comunicativa che continua ad alimentare un clima di tensione che ha già creato una forte frattura tra

Amministrazione e dipendenti. L’esposizione mediatica cui sono stati sottoposti questi lavoratori non rende

giustizia a tutto il lavoro fatto dagli stessi dall’inizio della pandemia nel febbraio 2020 ad oggi. Ricordiamo

che la Casa Protetta “Camilla Spighi” dall’inizio dell’emergenza sanitari ad oggi non è stata colpita da focolai

Covid, grazie alla grande professionalità e abnegazione dei lavoratori. L’amarezza degli operatori è tanta nell’evidenziare come il primo dato delle adesioni da parte del personale socio-sanitario della struttura al vaccino pagava la pressoché totale assenza di informazione e formazione da parte di Amministrazione e Ausl considerando come si fosse anche appena agli albori della campagna vaccinale. Pertanto, le risorse adatte per l’adesione dei lavoratori sono la forza delle argomentazioni scientifiche e non delle minacce disciplinari che sono decisamente inopportune, immeritate per quello che il personale ha fatto fin qui e decisamente infondate anche sul piano giuridico. I dati di oggi ci dicono che su circa 36 operatori 29 si sono vaccinati, anche grazie al percorso di confronto che l’Ausl ha intrapreso con gli operatori, percorso comunque partito in ritardo rispetto alle esternazioni mediatiche del sindaco. Siamo di fronte ad una situazione assolutamente sotto controllo. Chiediamo quindi al sindaco di fermare le minacce disciplinari e di scegliere tra confronto nell’ottica di una collaborazione

costruttiva che ricomponga la frattura creata o il protagonismo mediatico».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui