Va in ospedale per una trasfusione, “sparisce” per ore e poi muore

Il marito va in ospedale per la solita trasfusione ma non torna più a casa. Vuole sapere cosa è accaduto Nadia Montanari, moglie di Secondo Arlotti, riccionese classe 1952, morto all’alba di domenica scorsa mentre era sotto osservazione in un letto dell’ospedale Infermi. A Rimini il marito c’era arrivato in ambulanza sabato mattina: soffriva di una grave malattia e con regolarità doveva sottoporsi a trasfusioni. Due ore circa il tempo standard per il trattamento e il ritorno a casa. Ecco perché non vedendo rispettati i tempi ha iniziato a chiamare, inutilmente, il suo cellulare.

L’ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui