Usura a Rimini, si è costituito il latitante

RIMINI. È stata breve la latitanza del quarantunenne ricercato a Rimini con l’accusa di usura ed estorsione ai danni di un imprenditore romagnolo. L’uomo (G.D.G. le sue iniziali), braccato dalla polizia, si è costituito a Napoli. Secondo le indagini come corrispettivo di un doppio prestito, prima di 8mila e poi di 30mila euro, avrebbe incassato interessi altissimi, calcolati attorno al 182 per cento, e imposto l’assunzione in nero del cognato oltre al pagamento della casa in affitto a Rimini. Questi, considerato suo complice, era stato arrestato qualche settimana fa appena sbarcato a Civitavecchia, mentre rimpatriava precipitosamente dalla Spagna per via del coronavirus. All’imprenditore, titolare di un autosalone, erano arrivate pesanti minacce, tra cui quella di farlo «camminare su una sedia a rotelle» per il resto della vita. L’inchiesta della Squadra mobile della questura di Rimini è coordinata dal pm Luca Bertuzzi. Alle ricerche dei due campani ha collaborato il commissariato di Scampia (Napoli): per nascondersi il quarantunenne avrebbe chiesto l’aiuto a persone vicine a un clan camorristico. Sul pericolo di infiltrazioni sulla riviera romagnola in vista dell’emergenza economica che seguirà quella sanitaria si è espresso anche il prefetto di Rimini Alessandra Camporota. Una circolare del Viminale avverte sul “rischio che nelle pieghe dei nuovi bisogni si annidino perniciose opportunità per le organizzazioni criminali”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui