Un'amicizia troppo distante

Lun 8 Luglio 2019 | Catia Donini


Un'amicizia troppo distante

Mon 22 July 2019 | Catia Donini

Un ragazzo che conosco di vista (abbiamo anche alcune amicizie in comune nella vita reale) mi ha contattata su Facebook. Abbiamo chiacchierato per un po’ di giorni e mi pare di trovarmici bene, poi mi ha chiesto di uscire. Ho accettato ma poi sono nati i problemi. Lui abita in un paese a 40 minuti di macchina dal mio. Mi ha chiesto di andare là da lui perché c’è una specie di sagra che è molto rinomata. Ma io di avventurarmi di sera fino là dovendo guidare da sola non me la sento.

Allora avevamo pensato di incontrarci a metà strada. Però le mie amiche mi dicono che mi dovrebbe venire a prendere lui, che non esiste che io debba guidare fino là e che se ci tiene dovrebbe darsi una mossa. A me in tutto ciò è già calato l’interesse.
Chiara88

Da “quello che dice la ggggente” e i pareri degli amici e delle amiche non riusciamo proprio a scollarci, in questo angolo delle lettere. Ora Le dirò una cosa che, tanto per cambiare, sovverte molte delle regole non scritte delle poste del cuore di tutto il mondo: lasci perdere ‘sto ragazzo.

Non tanto per lui, di cui non so abbastanza per dare giudizi, ma per Lei. Questi 40 minuti di automobile ci saranno sempre, e se per Lei costituiscono, come pare, un problema di portata cosmica meglio lasciar stare.
A Lei peraltro è già calato l’interesse dopo aver ricevuto un normalissimo invito e prima ancora che lui abbia fatto o non fatto qualcosa, per cui direi che non c’è una spinta vera e propria a vedersi. Da parte mia, mi sento di dire che se a Lei è calato l’interesse, a me sono cadute le braccia. Vogliamo la parità, diritti, autonomia (e ci mancherebbe) poi però pretendiamo che un tizio sconosciuto, con cui ci troviamo bene a chiacchierare online, si faccia un viaggio in auto per venirci a prendere perché se è interessato “si dovrebbe dare una mossa”.

Anche Lei se è interessata potrebbe darsela, no? Tutte queste complicazioni per un primo appuntamento non mi fanno essere ottimista.
Certo, c’è l’ipotesi dell’incontrarsi a metà strada, che sembrerebbe sensata anche se pare più uno scambio di ostaggi che qualcosa di piacevole e informale come dovrebbe essere un incontro per conoscersi un po’ meglio. Senza offesa, davvero, io lascerei stare. E la prossima volta solo ragazzi raggiungibili in bici o a piedi, in un raggio di km. 4, di segno zodiacale compatibile con il Suo. Sempre che le amiche approvino preventivamente la scheda con le caratteristiche principali del candidato che Lei sottoporrà loro (perdoni il sarcasmo, ma alle volte temo che dai vecchi schemi autosabotanti non usciremo mai).

Condividi su Facebook    Condividi su WhatsApp

,

,

Scrivi un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *