Un venerdì di sciopero nazionale per i dipendenti dell’Ispettorato del Lavoro

La RSU di Rimini ha comunicato che i dipendenti dell’Ispettorato del Lavoro il 18 marzo incroceranno le braccia, come nel resto d’Italia,  per manifestare contro “una assurda e incomprensibile discriminazione. E’ stato infatti pubblicato il Decreto che esclude gli Ispettori del lavoro, e tutto il personale dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, dall’armonizzazione dell’indennità di amministrazione, riconosciuta invece a tutti gli altri dipendenti ministeriali con il medesimo contratto. Coloro che tutelano il rispetto dei diritti di tutti i lavoratori sono vittime di una beffa in aperto contrasto con la contrattazione che a loro si applica. La politica ed i vertici dell’Amministrazione si sono accorti con colpevole ritardo di questo clamoroso scivolone e ad oggi non sono riusciti a dare alcuna risposta concreta. Non ci fermeremo sino a quando a questo ennesimo affronto nei confronti del personale ridotto ai minimi termini e sempre meno valorizzato non sarà posto un rimedio concreto. La lotta al lavoro nero e la tutela della sicurezza nei luoghi di lavoro non si fa con i proclami, ma con azioni concrete e quella a cui stiamo assistendo in questi giorni va esattamente nella direzione opposta!Intanto domani l’astensione dal lavoro è per l’intera giornata e un concentramento dei lavoratori provenienti dai vari ispettorati dislocati sull’intero territorio nazionale è previsto a Roma in piazza della Repubblica dinanzi alla sede che ospita l’ufficio centrale dell’Ispettorato del lavoro”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui