Nasce a Gambettola “Bosco – Urban Art Project”, un progetto artistico volto alla riqualificazione del tessuto cittadino, dove sostenibilità, rigenerazione urbana e trasformazioni ambientali diventano spunti di riflessione e terreno di ricerca. Ideato e organizzato da tre giovani curatrici, Sonia Patrizia Catena, Angela Molari e Chiara Pavolucci dell’associazione Circuiti Dinamici, Bosco – Urban Art Project ha l’obiettivo di diffondere l’arte in tutta la città di Gambettola. La prima edizione del progetto, che vede il patrocinio e il sostegno del Comune di Gambettola, si terrà da giovedì 1 a domenica 4 ottobre, e vedrà la realizzazione di una vera e propria opera di arte pubblica, precisamente un murales disegnato dalla street artist Alessandra Carloni. 

L’opera muraria di street art troverà spazio sulla facciata della scuola primaria G. Pascoli, da sempre luogo di cultura e di incontro, nell’ambito del progetto di riqualificazione dell’area di ingresso, realizzato dal’Amministrazione comunale. “Alessandra Carloni con il suo linguaggio immediato e coinvolgente, racconterà la storia e la tradizione locali da un punto di vista completamente nuovo – spiegano le curatrici del progetto –  L’opera muraria si ispirerà inoltre a “I racconti del Bosco”, una raccolta di cinque favole che reinterpretano la storia della città, scritta per l’occasione da Serena Menghi e illustrata da Debora Guidi. Ciascun racconto sarà affiancato da approfondimenti sulle buone pratiche del riciclo, realizzati in collaborazione con LegambienteL’artista realizzerà l’opera dal 30 settembre e sarà possibile quindi assistere al work in Progress del murales”.

“Abbiamo fin da subito sposato questo progetto che pone al centro natura, cultura, rigenerazione urbana e arte – spiega il sindaco Letizia Bisacchi – Bosco – Urban Art Project è infatti in linea con le azioni messe in campo da questa Amministrazione comunale, a partire da “Gambettola Green” il programma di sensibilizzazione rivolto alla tutela dell’ambiente e alla promozione di una città sostenibile, con cui è perfettamente in linea. Fa particolarmente piacere constatare che il nostro messaggio di un paese più sostenibile sia stato recepito e rilanciato da queste giovani ragazze che a loro volta si rivolgono a bambini e ragazzi ancora più giovani”.

Domenica 4 ottobre alle ore 17,00 si terrà l’evento di inaugurazione del murales alla presenza delle curatrici del progetto, dell’Amministrazione comunale e della street artist: l’evento vedrà inoltre la lettura dei racconti da parte di Serena Menghi con accompagnamento musicale. Inoltre durante i giorni del festival presso gli spazi dell’ex Macello Circuiti Dinamici, in collaborazione con le associazioni LVIA ed Eufemia, proporrà un nuovo modo per confrontarsi e sensibilizzare alle problematiche ambientali, con una escape room che trasformerà l’ex macello di Gambettola in uno scenario di gioco, un’esperienza che sarà rivolta a tutta la cittadinanza, a ingresso libero. 

“Con Bosco Urban Art Project l’associazione Circuiti Dinamici ha creato davvero un bel fermento artistico e di partecipazione in paese – aggiunge l’assessora alla cultura Serena Zavalloni – Il progetto ha entusiasmato la cittadinanza e lo conferma lo straordinario successo dell’operazione di crowdfunding a sostegno del progetto stesso. Il tutto mettendo al centro l’arte, la cultura, l’ambiente e la voglia di riscoprire i nostri luoghi e i nostri spazi pubblici con un nuovo punto di vista, innovativo. Gambettola può essere il paese che cresce con l’arte, dove la cultura si può fruire ma soprattutto dove si può produrre cultura. Credo che Bosco Urban Art Project possa essere il primo tassello di questo percorso dove rendere Gambettola un punto nevralgico per una serie di attività culturali e partecipate”.

Argomenti:

favole

mostra

murales

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *