Tutti insieme e tutti più sicuri: così riparte il Comune di Cesenatico che da lunedì 8 giugno riapre i suoi uffici al pubblico potendo contare su un Termoscanner che rileverà la temperatura corporea all’ingresso, controllando anche che tutti indossino gli appositi dispositivi di protezione. L’azienda di Villalta, eccellenza italiana che è arrivata con la sua strumentazione fino allla Lavazza di Torino e al Colosseo di Roma, ha donato il suo fiore all’occhiello al Comune di Cesenatico. Roberto Terranova, uno dei titolari di Securitaly, ha spiegato come l’apparecchiatura brevettata dalla sua azienda è utile per preservare salute e sicurezza dei cittadini e non viola la privacy in quanto i volti “scansionati” non sono mai associati ai nomi e ai cognomi delle persone. <Abbiamo messo a punto ogni cosa in accordo con il Garante della Privacy, di fatto utilizzare il Termoscanner è come avere una semplice area videosorvegliata. Questa apparecchiatura conta anche il numero di persone che entrano ogni giorno e una volta installata on-line permette agli impiegati degli uffici di tenere sotto controllo la sicurezza degli uffici>.

Tra i primi a provare il nuovo dispositivo, che sarà installato all’ingresso degli uffici dell’URP, è stato il Sindaco Matteo Gozzoli. <Ringraziamo Securitaly per questa donazione che arriva da un’azienda che rappresenta una vera e proprio eccellenza del nostro territorio. Grazie al Termoscanner possiamo ripartire con uffici che saranno più sicuri, tutelando la sicurezza e la salute sia dei cittadini che di tutti gli impiegati pubblici>.

Argomenti:

comune

coronavirus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *