Un liceo green: la buona pratica bolognese alla ribalta nazionale

C’è anche il buon esempio del liceo scientifico “Sabin” di Bologna, che ha un percorso ecologico-ambientale, tra i modelli che il Ministero dell’Istruzione ha coinvolto all’interno del progetto “Rigenerazione Scuola”, un’iniziativa prevista per educare i più giovani ad abitare il mondo in modo diverso e a ragionare sul lungo periodo, ponendo maggiore attenzione ai temi ambientali, alla sostenibilità delle economie e degli stili di vita. Si tratta di un piano nazionale che guarda alla scuola italiana come infrastruttura culturale, come centro delle comunità, modello esistenziale e abitativo, luogo d’origine di un nuovo alfabeto ecologico ed economico, con più di un miliardo di investimenti in tutta Italia e la realizzazione di 200 scuole nuove a efficienza energetica.

La transizione ecologica e culturale della futura scuola della penisola, secondo il programma di “Rigenerazione”, sarà fondata su quattro pilastri: la rigenerazione dei saperi, ovvero che cosa si impara a scuola; la rigenerazione delle infrastrutture, con la costruzione di edifici innovativi e la creazione di nuovi ambienti di apprendimento; la rigenerazione dei comportamenti, con l’acquisizione di buone abitudini nel rispetto dell’ambiente anche a scuola; la rigenerazione delle opportunità, ovvero indirizzi scolastici caratterizzati da percorsi formativi che guardano ai temi dell’ecologia e della sostenibilità. Il Sabin sette anni fa ha istituito un percorso proprio applicato al mondo green, in grado di affrontare i diversi aspetti in modo organico e complessivo: da quello storico a quello filosofico oltre che sulle evoluzioni scientifiche. Nel corso della presentazione di Rigenerazione scuola è stato sottolineato come si tratti di un percorso didattico capace di dare ai ragazzi tutte quelle competenze che possano far riflettere i giovani su come sarà il mondo con uno stile di vita più attivo e proattivo, in grado di guardare ai processi di transizione ecologica. I progetti del liceo Sabin che sono stati illustrati vanno da quelli legati alla qualità dell’aria al riciclo dei Raee, fino a un piano di efficienza energetica organizzato con Enea. Inoltre, gli studenti con Hera partecipano alla campagna “Rifiuti Zero” volta al contenimento della produzione dei rifiuti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui