FORLI. Ulisse e il suo mito, che da tremila anni domina la cultura dell’area mediterranea ed è oggi universale: questo il tema della mostra che i Musei San Domenico di Forlì propongono per il 2020. La sfida è confermare il grande livello espositivo che in 15 anni Forlì ha saputo creare. Un mito che si è fatto storia e si è trasmutato in archetipo, idea, immagine. E che oggi, come nei millenni trascorsi, trova declinazioni, visuali, tagli di volta in volta diversi. Specchio delle ansie degli uomini e delle donne di ogni tempo. La vasta ombra di Ulisse si è distesa sulla cultura d’Occidente. Dal Dante del XXVI dell’Inferno allo Stanley Kubrick di “2001 – Odissea nello spazio”, dal capitano Acab di “Moby Dick” alla città degli Immortali di Borges, dal Tasso della “Gerusalemme liberata” alla Ulissiade di Leopold Bloom l’eroe del libro di Joyce che consuma il suo viaggio in un giorno, al Kafavis di “Ritorno ad Itaca” là dove spiega che il senso del viaggio non è l’approdo ma è il viaggio stesso, con i suoi incontri e le sue avventure. Il contributo dell’arte è stato decisivo nel trasformare il mito, nell’adattarlo, illustrarlo, interpretarlo continuamente in relazione al proprio tempo. Una grande viaggio dell’arte, non solo nell’arte. Una grande storia che gli artisti hanno raccontato in meravigliose opere. La mostra racconta un itinerario senza precedenti, attraverso capolavori di ogni tempo: dall’antichità al Novecento, dal Medioevo al Rinascimento, dal naturalismo al neo-classicismo, dal Romanticismo al Simbolismo, fino alla Film art contemporanea.

Ulisse. L’arte e il mito
Forli, Musei San Domenico, 15 febbraio – 21 giugno 2020

web: www.mostraulisse.it
fb: @mostraUlisseForli
catalogo: Silvana Editoriale

John W. Waterhouse, Circe invidiosa, 1892, olio su tela. Adelaide, Art Gallery of South Australia
Peter Paul Rubens, Concilio degli dei, 1602, olio su tela. Praga, Collezione d’Arte del Castello di Praga



Calco del gruppo del Laocoonte, gesso. Città del Vaticano, Musei Vaticani
Giorgio De Chirico, Le muse inquietanti, 1924, olio su tela. Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea.
Ulisse fugge dalla grotta di Polifemo, fine VI secolo a.C., oinochoe. Museo di Pontecagnano, Polo Museale della Campania.
John W. Waterhouse, Sirena, 1900, olio su tela. Londra, Royal Academy of Arts.





Argomenti:

mostre

Musei San Domenico

ulisse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *