Al termine di un lungo interrogatorio, il falegname 52enne marito della donna soccorsa ormai priva di vita dal 118 in un appartamento di via Fratelli Bandiera questa notte, è stato posto in fermo di polizia giudiziaria e trasferito nel carcere bolognese della Dozza. Il reato ipotizzato: omicidio volontario.

Argomenti:

femminicidio

uccisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *