Tuttifrutti e Cooperdiem, l’unione fa la forza della comunicazione

Tuttifrutti è tra le agenzie di comunicazione più longeve d’Italia. L’agenzia di pubblicità, in forma cooperativa, fu fondata nel 1974.

«Questi quarantasette anni di attività – dice il presidente,Nevio Ronconi- si possono dividere in tre grandi fasi. La fase cooperativa che durò fino al 1995. Quella di società consortile di capitali con partecipazione della base sociale, di cooperative e di privati, fino al 2020. E poi l’avvio della fase attuale datata 18 novembre 2020. La nuova Tuttifrutti è diventata pienamente operativa con la nuova compagine sociale e nuovi organismi dirigenti da febbraio 2021. È ancora società consortile ma è rientrata in toto nell’alveo cooperativo di Legacoop Romagna, a cui Tuttifrutti ha sempre aderito, con l’ingresso come socio di maggioranza della cooperativa Cooperdiem. L’ingresso di Cooperdiem avviene nel segno della continuità della Tuttifrutti e anche dell’individuazione di nuove idee di sviluppo».

Questi decenni hanno visto grandi trasformazioni nel mondo della comunicazione e dell’economia. «Tuttifrutti li ha attraversati sempre cercando di stare al passo coi tempi, con l’aggiornamento professionale e l’adeguamento dei servizi e delle consulenze offerti al mercato. Dall’analogico al digitale, passando dalla progettazione di campagne pubblicitarie alla realizzazione di strategie di comunicazione e immagine coordinata, dall’organizzazione di eventi fino all’editoria online».

Sono stati proprio questi passaggi che hanno consentito a Tuttifrutti di competere in un mercato sempre più articolato, agguerrito ed esigente.

«Un mercato a volte avvilito dalla cultura del massimo ribasso delle gare pubbliche o “del faccio da me” delle imprese private, che improvvisano la comunicazione piuttosto che affidarsi ai professionisti. La metamorfosi che ha caratterizzato Tuttifrutti negli anni ha prodotto brand che sono diventati più famosi verso il grande pubblico della Tuttifrutti stessa. Due esempi di successo per tutti: il grande evento enogastronomico “GiovinBacco, Sangiovese in Festa” e il quotidiano online “Ravennanotizie”. Ma si potrebbero aggiungere altri esempi, come la Festa della cozza di Marina di Ravenna, la gestione della Festa del Cappelletto a Ravenna o Sapore di Sale a Cervia, le campagne della Regione Emilia-Romagna sui trasporti per gli studenti e sugli Innovatori Responsabili, le campagne di AIL Ravenna, dei centri commerciali ESP e Maioliche o il grande evento del 40° di Consar. Sul fronte dell’immagine delle imprese come non ricordare il 70° di Deco, che ricorre quest’anno, i marchi di PromosAgri, Esp, Mercato Coperto di Ravenna, Arco Lavori. Ma l’elenco potrebbe continuare anche nel campo dei social media, nell’equilibrio tra comunicazione off e online», spiega Ronconi.

Ora per Tuttifrutti si apre una nuova fase dal punto di vista della compagine sociale e dal punto di vista di nuove strategie per affrontare il mercato locale, regionale e nazionale in sinergia e collaborazione con Cooperdiem.

«In primo luogo – conclude Ronconi – l’obiettivo è il bacino romagnolo. L’Agenzia vuole essere polo della comunicazione in grado di competere sul mercato e offrire servizi di qualità e di sistema a Legacoop Romagna. Questa impostazione porta anche a proporsi a imprese cooperative, e non solo, in ambito nazionale. Altro campo fondamentale è quello dell’editoria locale online».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui