Troppe mascherine gettate via: anche gli animali ne soffrono

La pandemia da Covid-19 ha risvolti drammatici anche a corollario dell’emergenza sanitaria. L’utilizzo esponenziale di presidi medici come mascherine chirurgiche e guanti di lattice o gomma, ha creato un pericolo concreto per molti animali che, confusi, scambiano per cibo le mascherine non correttamente smaltite e si impigliano nei guanti abbandonati all’aperto. I pesci vengono intrappolati in guanti di lattice finiti nei corsi d’acqua e in mare, gli uccellini rimangono avviluppati in mascherine scambiate per materiale adatto a costruire nidi, ma anche gatti o cani sono morti per soffocamento per aver ingerito rifiuti non correttamente smaltiti. Per monitorare il fenomeno, divenuto globale, un gruppo di naturalisti (che a marzo scorso ha pubblicato un primo report sulla situazione apparso sulla rivista scientifica Animal Biology) ha lanciato il sito covidlitter.com, dove si invitano volontari a segnalare casi di animali colti in situazione di pericolo causate dall’interazione con presidi sanitari non smaltiti correttamente.

A conferma della diffusione del fenomeno, basta guardare le segnalazioni già inserite sul sito, provenienti da ogni continente; ci sono anche casi italiani e le mascherine chirurgiche sono il pericolo più frequente: fra le esperienze indicate, anatre selvatiche che sono rimaste intrappolate e un gabbiano reale morto per averne ingerita una. È pesante l’impatto sull’ambiente dei presidi sanitari monouso che hanno costituito negli ultimi anni parte importante dell’incremento dell’inquinamento da materiali plastici. Bisogna incoraggiare, per quanto possibile, l’utilizzo di alternative riciclabili e riusabili, come le mascherine in stoffa – almeno per gli usi quotidiani non ospedalieri o assimilabili – fatte di materiali che riducono il rischio di contagio, ma che non mettono a repentaglio l’ambiente e gli animali. E, come per tutti i rifiuti, fondamentale rimane il corretto smaltimento: un impegno che è un dovere civico fondamentale.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui