“Trisi”, il Consiglio di Stato dà torto al Comune di Lugo

C’è voluta una sentenza del Consiglio di Stato per dissipare qualsiasi dubbio e ribaltare la precedente decisione del Tar regionale, ma alla fine la cooperativa “Le macchine celibi” di Bologna si è aggiudicata ufficialmente la gara per la gestione dei servizi alla biblioteca Trisi di Lugo. Un appalto da 316mila euro, per un contratto della durata di due anni, prorogabile di un ulteriore anno che dopo due anni sembra essere cristallizzato.

Già, perché è il dicembre 2019 quando delle tre offerte pervenute due si equivalgono nel progetto tecnico, ma quella più vantaggiosa risulta essere della cooperativa felsinea, con un ribasso vicino al 22%, contro quello del 9% della concorrente, la cooperativa “Le pagine”. Ma è qui che sorgono i primi dubbi dell’Amministrazione perché quell’offerta risulta essere, come si dice nel gergo degli appalti, “anomala”. Tradotto, il ribasso pare eccessivo per poter rispettare tutte le clausole del capitolato e i mille cavilli contrattuali.

Il Comune, avvalendosi della perizia richiesta a uno studio legale bolognese, procedeva nel giugno 2020 a escludere la cooperativa vincente. Nel carteggio si sosteneva che il costo del lavoro era inadeguato, sottolineando l’incongruità dell’offerta economica e l’impossibilità di rispettare i diritti dei lavoratori. Tuttavia nel giugno 2020 la cooperativa felsinea presenta ricorso al Tar dell’Emilia-Romagna che, il 25 novembre, lo rigetta validando le giustificazioni della Rocca nella scelta compiuta.

Ma quel verdetto è solo il primo round. Il presidente della cooperativa soccombente, Carlo Terrosi, non si arrende e, tramite i legali Marco Dugato di Bologna e Diego Vaiano di Roma, presenta ricorso in appello al Consiglio di Stato che, nell’ottobre scorso, ribalta la decisione dei giudici emiliani legittimando il progetto presentato da “Le macchine celibi” e la libertà di esercitarlo nel migliore dei modi. La cooperativa infatti, fondata nel ’90, impiega quasi 700 persone ed è specializzata proprio nella gestione delle biblioteche, annoverandone ben 130 sparse in dieci regioni italiane. Martedì scorso, peraltro, Terrosi è giunto a Lugo per la seduta pubblica con cui il Comune, in ottemperanza alla sentenza del Consiglio di Stato, ha sancito l’aggiudicazione della gara per la gestione dei servizi della biblioteca Trisi a “Le macchine celibi”, che sarà in essere dal primo gennaio.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui