Trasporto pubblico, 144 autisti non si presentano: saltano le corse

RIMINI. “La situazione del trasporto pubblico sul bacino romagnolo permane difficile”. Lo spiega Start Romagna ancora alle prese con i disservizi generati dall’obbligo di “green pass” per accedere ai luoghi di lavoro. “L’auspicio è che nei prossimi giorni il personale sprovvisto di green pass e le persone in malattia si riducano – continua il gestore del trasporto pubblico -. Il numero degli autisti che ha comunicato di non essere in possesso di green pass è al momento di 79 unità”.

Questa mattina si sono aggiunte ulteriori indisponibilità, che hanno fatto raggiungere il numero di 144 autisti (43 a Forlì-Cesena, 43 a Ravenna e 58 a Rimini) non disponibili. “Si tratta di un numero complessivo, che tiene insieme sia la mancanza di green pass che l’indisponibilità per malattie o permessi di alta natura previsti dal contratto. Numeri che vengono monitorati, anche in rapporto a quelli dello stesso periodo dello scorso anno. L’incremento ha spinto Start Romagna a condividere con Agenzia della Mobilità Romagnola l’orientamento di ridisegnare il servizio secondo delle priorità, a partire dal trasporto scolastico, pur sapendo che comunque si tratta di una situazione che produrrà disagi alla clientela prevalentemente nelle ore di morbida”.

Nella giornata di oggi è stato possibile effettuare mediamente il 90 per cento delle corse: il 92 per cento nel bacino di Forlì-Cesena, l’87 per cento a Ravenna e il 90 per cento a Rimini.

“Va ricordata l’attuale condizione che prevede il limite di capienza all’80% e il ricorso in ambito romagnolo a 111 bus messi a disposizione insieme agli autisti da aziende private, loro stesse alle prese con problematiche di questo genere, seppure in numero minore”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui