Tragedia a Lido Adriano, muore per salvare bambini dall’annegamento

Ha sentito le urla dei bambini poi quelli delle mamme, e non ci ha pensato due volte. Si è tuffato tra le onde di un mare che non ha avuto pietà. E’ morto così Bruno Padovani, 82 anni compiuti il mese scorso, in pensione dopo anni di lavoro in ospedale come centralinista e autista, con un lungo trascorso in politica da assessore ai Servizi sociali di Nogara, comune del Veronese da dove era arrivato giusto sabato scorso per trascorrere una settimana di vacanza con la figlia al mare, a Lido Adriano. Vivi per miracolo i quattro fratellini, tre femmine e un maschio di cui due gemelli, tutti tra gli 8 e i 10 anni di origine magrebina e residenti da anni nella zona. Per salvarli, seguendo il gesto d’istinto dell’82enne, si sono tuffati in tanti fra gli altri bagnanti, poi raggiunti anche dai bagnini di salvataggio, insieme ai sommozzatori dei vigili del fuoco e alla capitaneria di porto. Sono usciti uno dopo l’altro stramazzando sulla battigia con le palpitazioni, provati dalle onde e dalla corrente. Bruno, il più anziano fra tutti, non ce l’ha fatta. A portarlo a riva sono state due donne, tra le quali un’amica che come lui si era lanciata per soccorrere i quattro bambini. Invano il personale del 118, giunto con ambulanza, elicottero e auto medicalizzata, ha tentato di rianimarlo praticandogli il massaggio cardiaco. (Foto Massimo Fiorentini)

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui